« Tutti gli articoli della categoria Editoriali

Milan e Juve: la lotta continua

Del 13/04/2012 di


Milan e Juve: la lotta continua Ennesima sfida in totale emergenza per la squadra di via Turati, ma i ragazzi hanno saputo affrontare le numerose difficoltà in questa stagione e non vogliono mollare proprio ora

Non conosce fermate il tour de force che da oltre tre mesi sta impegnando il Milan di Massimiliano Allegri. Dopo l’importante e sofferta vittoria sul campo del Chievo, il prossimo ostacolo si chiama Genoa. La sfida di San Siro, in scena alle ore 18:00, si preannuncia difficile e più complicata del previsto, soprattutto perché si affronteranno due squadre che non possono assolutamente permettersi passi falsi. Da un lato i rossoneri, in corsa per lo scudetto e vogliosi di conquistare i tre punti davanti al pubblico amico dopo il pareggio con in Barcellona e la bruciante ed inaspettata sconfitta con la Fiorentina. Di contro ci sarà però un Genoa in crisi di gioco e di identità e che, dopo l’ultimo pareggio interno contro il fanalino di coda Cesena e la contemporanea e miracolosa vittoria del Lecce a Catania, si ritrova a soli due punti dalla zona caldissima di classifica. La situazione del grifone ricorda molto quella della squadra di Delio Rossi, arrivata al Meazza con il morale sotto i tacchi e con un piazzamento deficitario ma che invece ha trovato il guizzo vincente negli ultimi minuti di gioco. In casa Milan la vittoria è necessaria, sia per il morale del gruppo, sia perché la capolista Juventus non avrà difficoltà al “Manuzzi” di Cesena, dove la vittoria appare sinceramente scontata. Per tutti questi motivi il match di Milano rappresenta un’ultima spiaggia per entrambe le compagini. Ancora una volta il diavolo avrà il compito di scendere in campo prima della rivale, con tutti i vantaggi e gli svantaggi del caso, ed inoltre dovrà fare i conti con l’emergenza infortuni. Nel turno infrasettimanale di Verona si è toccato l’apice delle stagione, con 14 giocatori indisponibili tra infortunati e squalificati, ai quali si sono aggiunti Abbiati e Gattuso (malconci già dal primo tempo), Nesta, che ha stretto i denti e ha giocato con la febbre, e Yepes,dolorante per una botta al naso subita nel concitato finale di gara. In vista del Genoa il tecnico Allegri di certo tira un piccolo sospiro di sollievo, dato che gli ultimi allenamenti hanno fornito indicazioni positive. Sembrano recuperati l’olandese Van Bommel, reduce da mal di schiena ma regolarmente presente sui campi di Milanello nelle recenti sedute, Abate, Antonini, Aquilani e Mesbah. I quattro si sono allenati con il gruppo e toccherà all’allenatore livornese decidere se rischiarli o meno. Ancora a parte invece il capitano Ambrosini, recuperabile per il match contro il Bologna, e Boateng, colpito dall’ennesima infiammazione muscolare. Tanti i dubbi di Allegri in vista della partita. Se Abbiati non ce la dovesse fare, al suo posto è pronto Marco Amelia. In difesa la linea a quattro sarà composta da Nesta, se recuperato, e Mexes, mentre sulle fasce, salvo modifiche dell’ultimo minuto,saranno proposti Bonera e uno tra Antonini e Mesbah. A centrocampo il rientrante Van Bommel  potrebbe affiancare il sorprendente Muntari e lo stakanovista Nocerino, mentre in attacco sarà ballottaggio tra Emanuelson e Seedorf a supporto della coppia IbrahimovicRobinho. I due in realtà sono apparsi molto stanchi e scarichi nelle ultime apparizioni, quindi Maxi Lopez ed El Sharaawy scalpitano per una maglia da titolare e reclamano minuti importanti così come Antonio Cassano, apparso in forma e quindi arruolabile. Chiunque scenderà in campo dovrà farlo con il sangue agli occhi, giocando come se ogni gara fosse una finale di Champions League. Il Milan ha l’obbligo di non mollare e sperare che la Juventus non le vinca tutte da qui sino alla fine del campionato.


Maurizio Minerva

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
Mercato, un flop anticipato
Del 14 Luglio 2012
Il nuovo affondo del PSG ha convinto il Milan e affossato la fiducia dei tifosi. Dopo il passaggio all’Inter altro sgarbo dell’ex Leonardo. Il divario con Barcellona e Real Madrid appare ormai incolmabile.
Bazar rossonero
Del 26 Maggio 2012
Nel giro di pochi anni il Milan è passato da essere il padrone del calciomercato a preda dei vecchi e nuovi ricchi. Gli uffici di via Turati sono sempre aperti per ricevere proposte multimilionarie
Altro che rifondazione
Del 19 Maggio 2012
A palla ferma la dirigenza ha iniziato le operazioni per il prossimo anno. Sarà un mercato difficile e senza colpi altisonanti. L’obiettivo principale è trattenere i pochi big rimasti.
Derby a Trieste: finale palpitante in casa Milan
Del 04 Maggio 2012
Tutto riaperto a 180 minuti dalla fine. Le percentuali di vittoria finale sono ancora basse, ma dopo l’inaspettato stop della Vecchia Signora in via Turati c’è l’obbligo di crederci fino alla fine.
Mezzo Milan per il finale di stagione
Del 27 Aprile 2012
Abbandonato ormai il sogno Scudetto la società meneghina inizia ad operare sui possibili rinnovi. Tanti i giocatori e senatori in scadenza, da Ambrosini a Gattuso passando per Seedorf.
Il Milan tra presente e futuro
Del 20 Aprile 2012
Il match contro il Bologna, tre punti da conquistare per tenere il passo della Juventus. Intanto Galliani pensa già alla prossima annata.
Momento caldo
Del 04 Aprile 2012
Dopo quattro giorni l’eliminazione dalla Champions League pesa ancora nelle gambe e nella testa dei calciatori. Ora però c’è da difendere il primato in classifica e la sfida con la Fiorentina risulta cruciale dopo il pareggio – beffa di Catania.
Sudore e concentrazione in casa Milan
Del 30 Marzo 2012
Continua il tour de force dei rossoneri. L’avversario è di quelli temibili e la doppia sfida ai marziani blaugrana rischia di far allentare la tensione in vista di una giornata decisiva.
Più forti della stanchezza
Del 23 Marzo 2012
Dopo i 120 minuti di Torino, a Milanello la ripresa non è stata facile. La delusione infatti si è unita alla tensione del post gara. Il campionato però dà subito ai rossoneri la possibilità di rifarsi e prepararsi psicologicamente al meglio per la super sfida europea contro i marziani del Barcellona.
A Parma per la conferma
Del 13 Marzo 2012
In trasferta la prima delle 11 finali che i rossoneri disputeranno per la conquista del diciannovesimo tricolore. Vincere per scalfire le incertezze delle inseguitrici e acquisire fiducia e coraggio anche in vista dei prossimi impegni di Coppa Italia e Champions League.
Cerca