« Tutti gli articoli della categoria Il bazar rossonero

Chi esce sconfitto da Milan-Juventus ?

Del 28/02/2012 di Riccardo Giannini


Chi esce sconfitto da Milan-Juventus ? Classifica inalterata dopo Milan Juventus, equilibri invece totalmente saltati. A maggio rimpiangeremo più il goal di Muntari o le pesantissime squalifiche che avremo subito nel corso della stagione ? Rimpiangeremo la notte del 25 febbraio oppure l'eclissi della stellina Pato, il giovane prodigio predestinato alla vittoria del pallone d''oro ?

"Dove non arrivano gambe e talento, subentra l'aspetto psicologico. Mourinho, come al solito geniale precursore, esportò questa tattica in Italia. Fare rumore, irretire gli avversari, proteggere i propri giocatori dalle debolezze: la partita si gioca fuori dal campo. Conte lo ha capito, come dimostrano le ultime esternazioni sui torti arbitrali.  In questa altalena di prestazioni, il Milan dovrà mantenere sempre la calma e la lucidità".

Sono passati 10 giorni scarsi dal giorno in cui scrissi queste parole nella mia rubrica. Non posso che mettere agli atti il naufragio delle mie speranze: il Milan, probabilmente superiore per organico a tutte le altre 19 squadre della Serie A, scivola con estrema facilità nei tranelli preparati dai suoi principali avversari. Siamo rimasti invischiati nel catenaccio di Ranieri; siamo caduti nella trappola psicologica studiata con estrema precisione da Marotta e Conte, siamo affogati nel nervosismo dopo la rete non concessa a Muntari. La reazione all'ennesimo torto a firma Romagnoli ha finito per fornire un libro di alibi agli amici juventini, che hanno potuto mettere in secondo piano il dominio rossonero durato 60\70 minuti di gioco. Il Milan, dopo la discussa squalifica di Ibra, è partito con grande rabbia agonistica e ha concluso con rabbia...e basta. Da sabato ho letto dichiarazioni, commenti, editoriali, opinioni di parte rossonera e parte bianconera; purtroppo poche volte ho potuto apprezzare obiettività e validità di argomentazione, poche volte sono riuscito a separare il giornalista dal tifoso e il tifoso dal giornalista. Alla fine della baruffa le società Milan e Juventus possono comunque consolarsi: chi rimarrà con "zeru tituli", disporrà di un ampio campionario di scuse da gettare in pasto alla piazza. Cito esempi in ordine sparso: "Vincendo Milan-Juve avremmo vinto il campionato", "Dopo il goal non concesso a Muntari, la mafia ci ha fatto pagare un conto salato", "Calciopoli è tornata", "Farsopoli ha punito solo noi, voi manovravate i guardalinee". I bar sono già diventati aule di tribunale, con toni sempre più accesi, pubblici ministeri e avvocati difensori a distreggiarsi tra gli argomenti più disparati, da Meani a Rodomonti, da Moggi a Bertini, dal dominio mediatico del Milan di Berlusconi al famigerato processo per doping con imputata la Juventus di Lippi (e di Conte...). Si sprecano le liste con gli elenchi degli errori arbitrali a favore dell'una o dell'altra squadra; i tifosi rossoneri chiedono che venga tolta la fascia di capitano della nazionale a Buffon, mentre gli juventini propongono di ritirare i propri giocatori dalla selezione azzurra (Barzagli, Chiellini, Bonucci, Pepe, Matri e Giaccherini sono così indispensabili ? mmm).

In tutto questo caos, su cui i media inevitabilmente marciano per aumentare l'audience, ancor prima del fair play  è il Milan ad uscirne inesorabilmente sconfitto. Una società di grande tradizione e cultura sportiva (Marsiglia e Bergamo a parte) deve avere la forza di accettare anche la decisione arbitrale più assurda. I suoi atleti, nel limite delle debolezze umane, devono sputare sangue per onorare la maglia che indossano, non farlo sputare agli avversari. Le risse non portano punti, li tolgono.  Mexes ha rifilato un pugno a Borriello, salterà giustamente tre partite (la regola è quella, volenti o nolenti); tre partite in cui rischiamo di rivedere ancora una volta Bonera al centro della difesa. Qualche anno fa mi lamentai della troppa morbidezza dei rossoneri: a centrocampo menava solo Gattuso, gli altri erano agnellini. Ora invece subiamo gli insulti degli juventini (e presto di tutti i tifosi avversari), che ci invitano a cambiare sport e a passare al pugilato, dopo le performance di Muntari, Van Bommel, Boateng, Ibra e Mexes e per fortuna dimenticano Gattuso, Flamini, Ambrosini e Cassano. Teniamo le mani a posto, mandiamo k.o. l'avversario a suon di goal, evitiamo vendette, ripicche, colpi proibiti. Ci accusano di manipolare la comunicazione, ma cadiamo in grossolani errori di comunicazione. Multe ai giocatori ? Sì, ma mandiamoli a fare qualche ore nelle comunità o negli ospedali, tra le persone che hanno un vero motivo per soffrire. Ho fatto troppa retorica, Buffon e i suoi sostenitori mi perdoneranno. A questo Milan manca inoltre un vero capitano e non me ne vogliano Gattuso e Ambrosini.  Quanto manca a questa squadra un Baresi o un Maldini, ancor più di un terzino sinistro che faccia qualche cross decente: un leader che prenda per mano la squadra e metta in riga anche i caratteri più turbolenti. Voltiamo pagina e proviamo a vincere questo scudetto. Con la speranza che il nervosismo rossonero non tradisca invece un'altra verità: la debolezza di chi sente il fiato sul collo degli avversari.

p.s. Dopo aver letto quest'articolo, amici milanisti e juventini, andate a bervi una bella birra, portate in giro i vostri bimbi al parco oppure la vostra ragazza al cinema: non perdete tempo ad incazzarvi. Lasciate che ad incazzarsi siano i telecronisti e giornalisti faziosi; per loro una partita di calcio è una ragione di stato: per loro fortuna, la preoccupazione primaria non è arrivare a fine mese.

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Riccardo Giannini
Cessione Milan e mercato gennaio, le ultime
Del 01 Dicembre 2016
Più chiarezza al km finale della cessione del Milan. A inizio della prossima settimana importanti sviluppi. L'affare comunque non è a rischio.
Milan ai cinesi si farà, ma mercato di gennaio "addios"
Del 27 Novembre 2016
Il 13 dicembre non si farà il closing. Una doccia fredda, ma non tutto è perduto. Berlusconi fa campagna elettorale, ma quel sorrisino a Matrix esprime l'imbarazzo - più che il piacere - al pensiero di tenere il Milan.

FOCUS: Empoli Milan 1-4, l'errore di Donnarumma
Del 27 Novembre 2016
Analizziamo l'errore di Gigio in occasione del gol del pari di Saponara
L'inutile chiacchiericcio
Del 21 Novembre 2016
Si avvicina il 13 dicembre, data del closing che porterà la fine dell'epoca di Silvio Berlusconi come proprietario del Milan. Saranno giorni duri, con troppe bocche aperte e pronte a sentenziare.
Mercato Milan di gennaio, cosa bolle in pentola
Del 04 Novembre 2016
Un centrocampista e un attaccante da trovare per il nuovo ds Max Mirabelli
Il regalo di Galliani
Del 04 Novembre 2016
La stampa, in previsione dell'addio di Adriano Galliani dal Milan, ne elogia il recente lavoro e i giocatori scoperti, del vivaio e non solo, che hanno aumentato il loro valore. Un regalo da 200 milioni.
Pro Maldini, contro Maldini. E una via di mezzo?
Del 13 Ottobre 2016
Tifosi rossoneri nuovamente "divisi" dopo la vicenda Maldini. Chi difende strenuamente le ragioni del Capitano, tacciando i cinesi di poca chiarezza e anche di malafede. Chi invece accusa la bandiera di eccessive pretese. Ma dietro, ad agitare gli animi, la stampa.
Prudori juventini per Donnarumma
Del 09 Ottobre 2016
La bella favola del portiere milanista è una spina nel fianco dell'ambiente juventino, che vuole vincere e stravincere e soprattutto non accetta prime pagine che non riguardino giocatori bianconeri.

Paolo, un passo indietro per aiutare i cinesi a fare grande il Milan
Del 05 Ottobre 2016
Paolo Maldini detta condizioni per il suo ritorno in rossonero e si unisce al coro: "Voglio conoscere a fondo i nuovi investitori". Ma il nuovo Milan ha meccanismi complessi ed è impossibile pretendere una gestione in continuità con quella del passato. Quel che certo è che al nuovo Milan serve una grande bandiera.
Dai diamanti non nasce niente...
Del 20 Settembre 2016
Dopo la vittoria di Genova, altri tre punti senza subire gol con la Lazio
Cerca