« Tutti gli articoli della categoria Milanissimo

La trasferta europea non è un optional

Del 07/03/2012 di PierGiorgio Danuol


La trasferta europea non è un optional Più di un anno senza vittorie lontano da San Siro, con questo rendimento non si va certo lontani.

Alzi la mano chi non ha pensato a La Coruna, Istanbul, le più recenti disfatte rossoneri degli ultimi vent'anni; ieri sera per poco non è andato in scena il tris europeo, altra inglese sulla strada dei rossoneri, un Arsenal che avrebbe voluto infierire sul Milan e ribaltare un incredibile quattro a zero della gara di andata. Fortunatamente così non è successo, la qualificazione ai quarti di finale è stata raggiunta però rimane la figuraccia dell'Emirates Stadium e l'atteggiamento passivo offerto nei primi quarantacinque minuti. Nel doppio confronto probabilmente hanno meritato i rossoneri, anche se dopo la prestazione in terra inglese è difficile far pendere la bilancia a favore dell'una o dell'altra squadra. La miglior cosa da fare è prender atto della qualificazione e dimenticare al più presto la “gita” in quel di Londra, cercare di ritornare la squadra ammirata a Palermo e pensare che l'atteggiamento dimostrato in campo sia stato frutto dell'enorme vantaggio ottenuto nella gara di andata. Una cosa però è certa e cioè che in campo internazionale i rossoneri non riescono ad offrire prestazioni all'altezza della forza della squadra, un cammino in Champions League che non fa essere ottimisti per il proseguo della manifestazione, considerando che i futuri avversari potrebbero essere ben più forti dell'Arsenal. Le gare disputate quest'anno parlano di un pareggio contro il Barcellona, un altro contro il Bate Borisov seguito poi da un altro pari contro il Viktoria Plzen; il due a due contro la squadra di Guardiola era stato accolto con entusiasmo e consapevolezza di potersela giocare alla pari anche contro la squadra campione in carica, non considerando però che dopo il goal di Pato i rossoneri non hanno più superato la metà campo fino al calcio d'angolo dei minuti di recupero. Il pareggio per uno a uno contro il Bate Borisov è arrivato dopo la vittoria di Roma e dopo il malanno fisico di Cassano, un goal di Ibrahimovic che i rossoneri non sono stati in grado di mantenere difronte ad avversari decisamente scarsi. L'ultima gara del girone contro il Viktoria Plzen sembrava finalmente aver interrotto la seria, doppio vantaggio con Pato e Robinho ma poi tutto vanificato nel giro di cinque minuti, due a due e di nuovo parità. Della gara contro l'Arsenal c'è poco da aggiungere, stava accadendo tutto quello che non avrebbe dovuto succedere; evitare di prendere goal nei primi minuti, cosa puntualmente avvenuta, non commettere errori difensivi, ed ecco il bis con Thiago Silva, rimanere concentrati su ogni pallone, ed ecco il rigore provocato dalla coppia Mesbah – Nocerino. Alla fine ci ha pensato la divina provvidenza Abbiati a non mandare all'inferno il diavolo rossonero. In conclusione teniamoci a mente la data dell'ultima vittoria rossonera in Champions League, 23 novembre 2010, Auxerre – Milan 0 – 2, Ibrahimovic e Ronaldinho gli ultimi artefici del segno due in trasferta. Se veramente si vuole puntare a qualcosa di importante anche in Champions League bisogna senza dubbio ritornare ad essere competitivi anche fuori da San Siro, imporre il proprio gioco in qualunque stadio, essere padroni del campo e del gioco come la missione presidenziale ha insegnato in questi ventisei anni. Una squadra che vuole alzare la Champions League di certo non può presentarsi con uno score così deludente in trasferta, un cammino che ha poco di Champions ma soprattutto non accostabile alla rosa rossonera. I quarti di finale prossimi per finire la serie negativa, il che vorrebbe dire probabilità di proseguire nella manifestazione, guardare le sette vittorie in Coppa dei Campioni e leggere bene le gare fuori da Milano.


Piergiorgio Danuol

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di PierGiorgio Danuol
Le pagelle di Milan - Napoli 1 - 2
Del 21 Gennaio 2017
Bene Calabria, in ombra Bacca
Campionato 2016-2017, Torino - Milan 2 - 2, diciannovesima giornata
Del 20 Gennaio 2017
Quarto pareggio in campionato, ottava rete per Bacca.
Parla Marco...
Del 19 Gennaio 2017
Da Sacchi a Capello, dai cinesi ad Ibrahimovic, il “Cigno di Utrecht” parla a ruota libera del Milan e del calcio in generale.
Le pagelle di Torino - Milan 2 - 2
Del 16 Gennaio 2017
Bene Suso e Paletta, male Romagnoli
Campionato 2016-2017, Milan - Cagliari 1 - 0, diciottesima giornata di andata
Del 10 Gennaio 2017
Trentasei punti dopo diciotto giornate, Bacca torna al goal dopo tre mesi.
Le pagelle di Milan - Cagliari 1 - 0
Del 08 Gennaio 2017
Paletta, Suso e Bacca tra i migliori
E' Super Montella
Del 27 Dicembre 2016
Il 2016 è terminato con una vittoria ma il trofeo più importante è seduto in panchina.
Supercoppa Italiana 2016, Juventus - Milan 4 - 5 d.c.r.
Del 25 Dicembre 2016
Il Milan conquista la sua settima Supercoppa Italiana, decisivi Donnarumma e Pasalic
Le pagelle di Juventus - Milan 4 - 5 d.c.r.
Del 23 Dicembre 2016
Donnarumma, Suso e Bonaventura tra i protagonisti, Bacca non c'è
Campionato 2016-2017, Milan - Atalanta 0 - 0, diciassettesima giornata di andata
Del 18 Dicembre 2016
Terzo pareggio stagionale, seconda gara consecutiva senza reti.
Cerca