Aggiornamenti live: almeno 151 uccisi nello scontro di Halloween di Itaewon

Gli investigatori continuano a ricostruire l’esatta catena di eventi che ha portato alla morte di almeno 151 persone durante le indagini. Evidente affollamento Sabato sera, nel quartiere Itaewon di Seoul, un esperto ha suggerito che potrebbe esserci stato “qualsiasi momento scatenante”.

Secondo il capo dei vigili del fuoco locale, decine di migliaia di persone sono scese nelle strade della capitale sudcoreana per celebrare Halloween, e molte di loro si sono riversate nel quartiere della vita notturna di Itaewon, una zona per cui entrambi sono famosi. Vibrante vita notturna così come le sue stradine e vicoli.

Testimoni affermano che strade e vicoli straripano mentre le persone si radunano fuori da bar, pub e ristoranti.

Ad un certo punto, molte persone sembravano aver tentato di lasciare l’area: i funzionari hanno affermato che non c’erano fughe di gas o incendi sulla scena quando le chiamate di emergenza sono state ricevute per la prima volta alle 22:24 che le persone erano “sepolte”.

Juliet Khayyem, esperta di gestione dei disastri e analista della sicurezza nazionale per la CNN, ha affermato che la densità della città potrebbe aver avuto un ruolo nella tragedia.

Keim ha affermato che la combinazione di strade strette e vicoli ciechi “sarebbe stata sicuramente mortale” in una situazione di panico, aggiungendo che le persone a Seoul non avrebbero visto il pericolo perché erano abituate alla folla.

“Le persone a Seoul sono abituate a stare in luoghi affollati e potrebbero non essere completamente prese dal panico per le strade affollate”.

Il panico è spesso un fattore di tali tragedie, ha detto, aggiungendo che “quando il panico si instaura e non hai un posto dove andare, è probabile che tu venga schiacciato”.

Tuttavia, quando si verificano tali attacchi di panico, “molte volte, non c’è un momento scatenante”, ha aggiunto.

Tuttavia, ha affermato che, sebbene fosse difficile individuare ciò che aveva spinto la repressione, i funzionari “si sarebbero aspettati un numero maggiore prima di sabato sera”.

“Le autorità hanno la responsabilità di monitorare il numero della folla in tempo reale in modo che possano percepire la necessità di evacuare le persone”, ha affermato Keim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.