Alcuni dei fla che ha colpito Ian. DeSantis cambia le regole di voto per i distretti

Il governatore Ron DeSantis sta rendendo più facile per gli elettori votare in tre contee del sud-ovest della Florida duramente colpite dall’uragano Ian, suscitando critiche sul fatto che stia “politicizzando un disastro naturale”.

Più di 1 milione di elettori nelle contee di Charlotte, Sarasota e Lee avranno più tempo per votare all’inizio delle imminenti elezioni generali e più modi per presentare una votazione per corrispondenza in base a un ordine esecutivo firmato mercoledì dal governatore repubblicano.

DeSantis bagarini ha recentemente emanato leggi sul voto che sono state approvate dalla legislatura statale guidata dal GOP per offrire alcune sistemazioni. Una di queste leggi limita le cassette postali, che la legge chiama “sezioni elettorali”.

Secondo l’ordine, gli osservatori elettorali in tre distretti possono creare nuovi siti di votazione anticipata e drop-box. Le schede elettorali possono essere inviate anche per posta a un indirizzo diverso da quello in cui è registrato l’elettore.

“Decine di migliaia di floridiani sono stati sfollati e l’ordine esecutivo di oggi non soddisfa il momento e non garantisce l’accesso al voto per tutti gli elettori della Florida”, ha affermato in una nota Jasmine Burney-Clark, fondatrice dell’organizzazione per i diritti di voto Equal Ground. “Invece, il governatore DeSantis sta politicizzando un disastro naturale”.

L’uragano Ian è atterrato nella contea di Lee il 28 settembre come tempesta di categoria 4. Uccise più di 100 persone e ha causato danni per oltre 75 miliardi di dollari. L’Agenzia federale per la gestione delle emergenze ha fornito soccorsi in caso di calamità a 24 dei 67 distretti dello stato. Vento, mareggiate e inondazioni hanno lasciato una scia di distruzione che si estendeva da Napoli a Sant’Agostino.

È DeSantis Ordine urgente La decisione di modificare le regole di voto per sole tre contee è stata presa “sulla base del contributo collettivo dei supervisori elettorali in tutto lo stato e delle richieste scritte dei supervisori elettorali nelle contee di Charlotte, Lee e Sarasota”.

Nella contea di Lee, dove l’uragano Ian è atterrato, “ci sono pochi seggi elettorali dopo la tempesta”, secondo l’ordine, “e molti seggi elettorali stabiliti sono ormai scomparsi”. L’ufficio elettorale della contea di Lee ha anche riferito che il tornado “ha spostato dalle loro case innumerevoli elettori e lavoratori elettorali della contea di Lee”.

Il segretario di Stato della Florida Cort Byrd ha dichiarato in una dichiarazione che il suo ufficio “ha lavorato con i supervisori elettorali per garantire che le elezioni generali del 2022 si svolgano nel modo più efficiente e sicuro possibile in tutto lo stato e nelle contee gravemente danneggiate”.

Il giorno delle elezioni è nov. 8. Le schede elettorali sono già accettate nello stato. Le scadenze per le votazioni anticipate variano da distretto a distretto, ma le votazioni anticipate inizieranno il 24 ottobre in tre distretti, afferma l’ordinanza.

I sostenitori dei diritti di voto chiedono pagamenti DeSantis agli elettori colpiti dall’uragano Ian in tutto lo stato. Hanno scritto rappresentanti di diverse organizzazioni, tra cui Equal Ground, l’American Civil Liberties Union, la NAACP e il Voting Rights Project. Lettera Martedì hanno chiesto a Byrd e DeSantis di emettere un ordine di emergenza per facilitare il voto facile in tutte le 24 contee considerate aree disastrate.

Alcune delle richieste dei gruppi, inclusa l’espansione dei giorni e dei luoghi di votazione anticipata, sono state incluse nell’ordine firmato da DeSantis mercoledì, ma solo per tre distretti.

A Lee, Charlotte e Sarasota, più di 450.000 elettori sono repubblicani registrati, 265.000 sono democratici e quasi 290.000 non sono affiliati.

Nel complesso, i repubblicani registrati sono più numerosi dei democratici in molte contee danneggiate dall’uragano. Nella contea di Orange, l’uragano Ian è passato come una tempesta di categoria 1, lasciando inondazioni storiche a Orlando e dintorni, con 360.389 democratici registrati e 217.061 repubblicani registrati. Non sono previste eccezioni.

Burney-Clark di Equal Ground ha affermato che l’ordine sarebbe “un altro esempio di privazione dei diritti degli elettori del governatore DeSantis”, escludendo altre contee colpite dalla tempesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.