Biden incontra il principe ereditario saudita sfidando l’impegno di “Baria”.

WASHINGTON, 14 giu. (Reuters) – Il presidente Usa Joe Biden incontra il principe saudita Mohammed bin Salman durante un viaggio in Medio Oriente a luglio, rompendo la promessa di rendere “baria” lo Stato che combatte. Aumento dei prezzi della benzina negli Stati Uniti.

Poche settimane dopo il suo insediamento, Biden ha cambiato la politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Arabia Saudita, prendendo una linea dura sulla situazione dei diritti umani dello stato e in particolare sull’assassinio di Jamal Kashoki, un giornalista del Washington Post in Turchia nel 2018. L’intelligence statunitense ha implicato il principe nell’assassinio. Il governo saudita ha negato qualsiasi coinvolgimento.

Il predecessore di Biden, Donald Trump, aveva uno stretto rapporto con il sovrano de facto del paese, Prince. Ma quando era un candidato alla presidenza nel 2019, Biden ha promesso di “pagare il prezzo dell’Arabia Saudita e di fare di Baria il capro espiatorio che sono per l’assassinio di Kashogi”. La Casa Bianca ha affermato all’inizio di questo mese che la visione di Biden non era cambiata.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I colloqui con il principe ereditario – parte del primo viaggio di Biden nella regione – sono visti dai difensori dei diritti come contrari alla sua promessa di porre i diritti umani al centro della politica estera statunitense. Il viaggio di Biden dal 13 al 16 luglio includerà una tappa in Israele e nella Cisgiordania occupata.

Parlando in modo anonimo, un alto funzionario degli Stati Uniti ha detto che Biden “lo farebbe se il suo interesse a impegnarsi con un leader in particolare determina l’esito di un tale impegno”.

Il funzionario ha sottolineato il ruolo del principe ereditario nell’aiutare a estendere il cessate il fuoco di intermediazione delle Nazioni Unite tra le parti in guerra dello Yemen.

Il gruppo OPEC + dei paesi produttori di petrolio, guidato dall’Arabia Saudita, visiterà Biden il 15-16 luglio in seguito alla decisione della Russia di aumentare la produzione di petrolio per compensare le perdite – a seguito delle sanzioni occidentali a Mosca contro l’Ucraina – e l’invasione e la guerra Ucraina. Prezzo e inflazione. leggi di più

Vertice del Golfo

Il desiderio di Washington di migliorare le relazioni con le monarchie del Golfo è più urgente dopo l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, che mette in evidenza l’idoneità dei produttori di petrolio del Golfo.

Tre diplomatici occidentali hanno affermato che gli Stati Uniti stavano cercando di isolare ulteriormente la Russia nella guerra in Ucraina, esortando gli stati del Golfo a condannare pubblicamente Mosca. Gli stati del Golfo hanno finora cercato di mantenere una posizione neutrale su ciò che dicono, ma alcuni diplomatici occidentali lo vedono come il compagno di Mosca.

La Casa Bianca afferma che Biden incontrerà i leader regionali in Arabia Saudita, inclusi Iraq, Egitto e Giordania, nell’ambito del vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo. Fonti familiari del Golfo affermano che Washington ha proposto un’agenda che include la sicurezza regionale, la sicurezza alimentare, il conflitto israelo-palestinese e le questioni energetiche.

In Israele dal 13 al 14 luglio, Biden sottolineerà l’impegno degli Stati Uniti nei confronti del Paese, che include miliardi di dollari in supporto militare. Ospiterà un vertice virtuale con i leader di Israele, India ed Emirati Arabi Uniti.

Il funzionario statunitense ha detto che Biden si recherà in Cisgiordania per incontrare il presidente palestinese Mahmoud Abbas e altri leader per riaffermare il suo impegno per una soluzione a due stati tra israeliani e palestinesi.

Una dichiarazione dell’ufficio del Primo Ministro israeliano ha affermato che la visita aiuterebbe a integrare Israele nel Medio Oriente.

L’Arabia Saudita ha espresso il suo sostegno all’Accordo di Abraham, che ha stabilito relazioni con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain Israele due anni fa. Ma Riyadh ha smesso di riconoscere formalmente il vicino Israele.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Jared Renshaw; Rapporti aggiuntivi di Jonathan Lande, Toina Siaku, Susan Heavy e Alexander Cornwell; Scritto da Michelle Nichols e Humeyra Pamuk; Montaggio di Jonathan Odyssey e Rosalpa O’Brien

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.