Gli infermieri del Mount Sinai Morningside e West raggiungono un accordo provvisorio mentre migliaia di infermieri scioperano


New York
Cnn

Il Mount Sinai Morningside e il West Hospital hanno raggiunto un accordo provvisorio domenica su un nuovo contratto con il sindacato infermieristico statale, evitando uno sciopero del lunedì mattina, secondo un comunicato stampa del sindacato.

Gli infermieri di altri due ospedali della zona, il Mount Sinai Hospital e il Montefiore nel Bronx, sono ancora in sciopero perché non è stato raggiunto un accordo.

Entrambi gli ospedali sono tornati oggi al tavolo delle trattative con gli infermieri della New York State Nurses Association: circa 3.625 infermieri al Mount Sinai e circa 3.500 infermieri a Montefiore nel Bronx scioperano alle 6:00 di lunedì se non viene raggiunto un accordo provvisorio. Durante una conferenza stampa domenica mattina, il sindacato ha detto che i negoziati potrebbero andare nelle prime ore del mattino.

Il nuovo contratto temporaneo a Morningside e West riduce il numero previsto di infermieri da 8.700 a 7.125. Il contratto a tempo determinato migliora l’organico, protegge i benefici e aumenta gli stipendi in tre anni.

Ciò porta sette dei 12 ospedali di New York con contratti temporanei o in trattative per raggiungere nuovi contratti.

“È tempo di stabilire contratti equi che aiutino gli infermieri a fornire le cure che tutti i newyorkesi meritano. Lottiamo per migliorare l’assistenza ai pazienti e faremo tutto il necessario per vincere”, ha dichiarato domenica il presidente del NYSNA Nancy Hagens in una dichiarazione.

Il Mount Sinai Hospital di New York continua a spostare i bambini dalle unità di terapia intensiva ad altri ospedali della zona, deviando le ambulanze verso altre strutture e rinviando gli interventi chirurgici elettivi e gli interventi al cuore in vista di uno sciopero infermieristico programmato lunedì.

In una dichiarazione di sabato scorso, l’ospedale ha affermato che stava negoziando in “buona fede” con il sindacato infermieristico un nuovo contratto. Il sindacato ha detto domenica che il NYSNA ha accettato di incontrare gli infermieri dopo che il Monte Sinai è uscito dalla sessione di contrattazione di giovedì.

Sabato un portavoce del Mount Sinai ha detto alla CNN che il sistema ospedaliero sta negoziando attivamente con i campus Mount Sinai Morningside e West in base a contratti sindacali separati.

Ma migliaia di infermiere in diversi ospedali di New York scioperano lunedì mattina se non vengono raggiunti accordi.

L’ospedale ha dichiarato domenica che la sua attuale offerta salariale è “simile” ai contratti approvati a New York-Presbyterian e Maimonides – e aumenterebbe lo stipendio base di un’infermiera del Mount Sinai del 19,1% in tre anni.

“Ma la contrattazione incoerente del NYSNA, la riluttanza ad accettare questa offerta e l’insistenza nell’andare avanti con uno sciopero non ci lasciano altra scelta che prendere misure significative per prenderci cura dei nostri pazienti”, afferma la dichiarazione dell’ospedale.

I bambini dell’unità di terapia intensiva neonatale sono stati trasferiti in sicurezza negli ospedali partner di New York City sabato, ha detto domenica alla CNN un portavoce dell’ospedale. Altri sei saranno trasferiti domenica dalle UTIN al Mount Sinai Hospital e al Mount Sinai West, ha detto la portavoce.

“Inoltre, abbiamo trasferito circa 100 pazienti dagli ospedali interessati (Mount Sinai Hospital, Mount Sinai West e Mount Sinai Morningside) agli ospedali non interessati nel sistema Mount Sinai e agli ospedali partner di New York, e stiamo evacuando i pazienti in sicurezza. Programmato per tornare a casa.” Tutti gli interventi chirurgici elettivi sono stati rinviati, ha detto il portavoce.

Il NYSNA ha reagito sabato ai commenti del Mount Sinai, che ha affermato che venerdì avrebbe trasferito i bambini nelle sue unità di terapia intensiva neonatale in altri ospedali della zona a causa di un annuncio di sciopero, affermando che l’ospedale era sconvolto dalle azioni “irresponsabili” del sindacato.

“Come infermiera del travaglio e del parto che aiuta le madri a mettere al mondo i bambini, trovo scandaloso che il Monte Sinai comprometta in qualche modo la cura dei nostri bambini in terapia intensiva neonatale. Abbiamo già infermieri in terapia intensiva neonatale che si prendono cura del doppio dei bambini malati”, ha affermato. Matt Allen, direttore regionale del sindacato.

“Il rifiuto del Monte Sinai di affrontare il personale non sicuro nella nostra terapia intensiva neonatale e in altre unità dell’ospedale è inconcepibile, ma ora sta alimentando timori per i nostri bambini in terapia intensiva neonatale nelle trattative contrattuali”, ha aggiunto.

In una dichiarazione di sabato, gli infermieri del NYSNA BronxCare e del Brooklyn Hospital Center hanno raggiunto accordi provvisori che migliorano i livelli di personale sicuro e l’applicazione, gli aumenti salariali del 7%, 6% e 5% all’anno durante il loro contratto triennale e la conservazione. loro interessi sanitari.

Sabato, gli infermieri del New York-Presbyterian hanno annunciato di aver accettato di ratificare il loro contratto, ma è stata una votazione ravvicinata: il 57% degli infermieri ha votato sì e il 43% ha votato contro.

“Il voto sulla ratifica del contratto è una parte importante della democrazia sindacale. Come in ogni democrazia, il consenso al 100% è raro”, ha dichiarato Hagans in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.