Gli Stati Uniti affermano che la Russia ha speso milioni per la campagna politica globale segreta

La Russia ha segretamente donato almeno 300 milioni di dollari a partiti politici stranieri e candidati di più di due dozzine di paesi dal 2014 nel tentativo di plasmare gli eventi politici oltre i suoi confini, secondo una nuova revisione dell’intelligence statunitense.

Secondo una revisione commissionata dall’amministrazione Biden quest’estate, Mosca prevede di spendere centinaia di milioni di dollari in più come parte della sua campagna segreta per indebolire le istituzioni democratiche e potenziare le forze politiche globali viste come allineate con gli interessi del Cremlino.

Un alto funzionario statunitense, che ha parlato con i giornalisti in condizione di anonimato per discutere i risultati dell’intelligence come altri funzionari, ha affermato che l’amministrazione ha deciso di declassificare alcuni dei risultati della revisione nel tentativo di contrastare la capacità della Russia di influenzare i sistemi politici nei paesi europei. Africa e altrove.

“Facendo luce sui finanziamenti politici segreti russi e sugli sforzi russi per minare i processi democratici, esporremo questi partiti e candidati stranieri che accettano segretamente denaro russo”, ha affermato il funzionario.

I paesi in cui sono state identificate tali misure includono Albania, Montenegro, Madagascar ed Ecuador, secondo una fonte dell’amministrazione che ha familiarità con la questione.

I funzionari hanno indicato un paese asiatico, che hanno rifiutato di nominare, in cui hanno affermato che un ambasciatore russo ha dato milioni di dollari in contanti a un candidato presidenziale. Hanno detto che le forze legate al Cremlino usano anche società di comodo, gruppi di riflessione e altri mezzi per influenzare gli eventi politici, a volte a beneficio dei gruppi di estrema destra.

L’alto funzionario ha affermato che il governo degli Stati Uniti ha rilevato un aumento dei finanziamenti politici segreti russi nel 2014. La revisione non ha affrontato le attività russe negli Stati Uniti.

Entrambe le valutazioni sono statunitensi Agenzie di intelligence e A Inchiesta al Senato bipartisan La Russia sotto il presidente Vladimir Putin ha lanciato una campagna di ingerenza per aiutare l’allora candidato Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2016.

I dettagli della presunta campagna di influenza politica del Cremlino sono stati diffusi mentre gli Stati Uniti ampliano il supporto militare all’Ucraina nella sua guerra contro la Russia, giunta al settimo mese.

Dall’inizio di quest’anno la Casa Bianca ha fatto l’insolito passo di rilasciare ripetutamente informazioni riservate sulle intenzioni e le azioni di Mosca in Ucraina, parte di uno sforzo per respingere le ambizioni di Putin in quel paese.

Lunedì un approccio del Dipartimento di Stato Ha descritto quelle che ha affermato essere le azioni della Russia alle ambasciate statunitensi in più di 100 paesi e ha suggerito le misure che gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbero intraprendere per respingere, comprese sanzioni economiche, divieti di viaggio o l’espulsione di sospette spie russe coinvolte in attività di finanziamento politico.

Il cablogramma, che i funzionari hanno rilasciato ai giornalisti, ha affermato che il finanziamento politico russo è stato talvolta supervisionato da funzionari e legislatori del governo russo ed è stato effettuato da organizzazioni tra cui il Servizio di sicurezza federale russo.

approccio Ha anche nominato oligarchi russi che si diceva fossero coinvolti in “schemi finanziari”, tra cui Yevgeny Prigogine e Alexander Babakov.

Prigozhin, noto come “lo chef di Putin”, è stato incriminato dalle autorità statunitensi nel 2018 dopo aver guadagnato ingenti somme di denaro con contratti di catering del governo russo. Ha cercato di interferire nelle elezioni americane del 2016. È legato alla ditta militare privata Wagner ed è ricercato dall’FBI.

Babakov era un legislatore russo Finanziamento dei partiti di estrema destra In Francia.

Mosca usa criptovaluta, contanti e regali, spesso utilizzando conti e fonti delle ambasciate russe, per dare forma agli eventi politici in altri paesi, afferma il cablogramma.

“Nei prossimi mesi, la Russia potrebbe fare sempre più affidamento sul suo kit di strumenti segreti di influenza, compreso il suo finanziamento politico segreto, nel tentativo di minare l’efficacia delle sanzioni internazionali e mantenere la sua influenza in Centro e Sud America, Africa, Medio Oriente e Asia . Regioni nel mezzo della guerra in corso in Ucraina”, ha detto.

I diplomatici statunitensi stanno informando le controparti di altri paesi sulle misure, che secondo i funzionari statunitensi potrebbero andare oltre i paesi e gli importi identificati.

“Pensiamo che questa sia la punta dell’iceberg”, ha detto l’alto funzionario. “Quindi, invece di sederci in disparte, condividiamo queste misure di risposta”.

I funzionari statunitensi hanno chiesto ai paesi partner di condividere le proprie informazioni sui finanziamenti russi per aiutare il governo degli Stati Uniti a ottenere un quadro più completo di ciò che la Russia sta facendo.

Sebbene la revisione non affronti gli sforzi di influenza russa negli Stati Uniti, l’alto funzionario ha riconosciuto che rimane una sfida importante che deve continuare a lavorare per proteggere il sistema politico e le elezioni statunitensi.

“Non c’è dubbio che anche noi abbiamo questa vulnerabilità”, ha detto il funzionario.

Paul Sohn a Washington ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.