I futures Dow rimbalzano di oltre 100 punti mentre i tassi iniziano ad allentarsi nel 2023

I futures sulle azioni sono stati scambiati al rialzo mercoledì e i tassi sono scesi mentre gli investitori attendevano i rapporti sui dati economici chiave che mostrassero come sta andando l’economia statunitense tra gli aumenti dei tassi della Federal Reserve per controllare l’inflazione.

I future legati alla media industriale Dow Jones sono aumentati di 121 punti, pari allo 0,36%. I futures S&P 500 e Nasdaq-100 sono saliti rispettivamente dello 0,57% e dello 0,79%. Il rendimento della nota del Tesoro USA a 10 anni è sceso di più 11 punti fondamentali che gli investitori attendono dall’ultima riunione della banca centrale. Rendimenti e prezzi si muovono in direzioni opposte e un punto base è pari allo 0,01%.

Il sentiment è stato sollevato in parte dagli incoraggianti dati sull’inflazione provenienti dall’Europa, tra cui un calo maggiore del previsto dell’indice dei prezzi al consumo francese e un calo dei prezzi delle importazioni tedesche.

Le azioni statunitensi hanno iniziato il 2023 in ribasso martedì, poiché le preoccupazioni sui tassi, l’inflazione elevata e i timori di recessione hanno smorzato le speranze che Wall Street potesse iniziare il nuovo anno con una nota positiva. L’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno perso rispettivamente lo 0,4% e lo 0,8%, mentre il Dow ha chiuso appena sotto il pareggio. Anche i principali indici sono stati messi sotto pressione con forti cali delle azioni di Apple e Tesla.

“Le azioni statunitensi non sono state in grado di mantenere i guadagni precedenti poiché le politiche restrittive e i timori di recessione erano al centro degli investitori”, ha scritto martedì l’analista di mercato senior di Onda Ed Moya in una nota ai clienti. “Gli acquisti scontati hanno innescato un altro breve rimbalzo del mercato ribassista”.

Gli investitori avranno maggiori informazioni su ciò che pensano i membri della banca centrale mercoledì pomeriggio, quando verranno pubblicati i verbali dell’ultima riunione politica della banca centrale. All’inizio della giornata, l’indagine sui posti di lavoro e sul turnover del lavoro, o JOLTS, e i dati sulla produzione ISM dovrebbero essere rilasciati.

Anche il rapporto sull’occupazione di dicembre di venerdì sarà seguito da vicino poiché è l’ultima lettura sul mercato del lavoro prima della riunione della banca centrale di febbraio.

“È troppo presto per iniziare a scommettere su un pivot della Fed quest’anno, che dovrebbe creare questo ambiente difficile per le azioni”, ha detto Moya.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.