I futures Dow salgono di oltre 100 punti nel primo giorno di negoziazione del 2023

Trader sul pavimento del NYSE, 21 ottobre 2022.

Fonte: NYSE

I futures sulle azioni sono aumentati martedì mentre Wall Street ha cercato di iniziare il nuovo anno con una nota forte.

I future legati alla media industriale Dow Jones sono aumentati di 158 punti, pari allo 0,47%. I futures S&P 500 sono saliti dello 0,55%, i futures Nasdaq 100 sono saliti dello 0,75%. Le azioni di Tesla sono scese di quasi il 4% nell’azione pre-mercato dopo le deludenti consegne del quarto trimestre.

Gli investitori sono alla ricerca di segnali che indichino che l’economia globale continuerà a riprendersi nel 2023 e le azioni aumenteranno mentre i problemi pesano sui mercati nel 2022. Mentre vi sono timori che gli aumenti dei tassi della Federal Reserve per controllare l’inflazione elevata possano spingere l’economia statunitense in recessione, ciò potrebbe portare a una pausa negli aumenti dei tassi o un preludio al taglio dei tassi più avanti nel corso dell’anno. Per aumentare la posta in gioco.

“Mentre continuiamo a vedere il ‘bicchiere mezzo pieno’ alla fine di un periodo di ‘denaro gratis’ e sovrastimolazione dell’economia, potrebbero arrivare tempi migliori sia per i mercati azionari che per quelli obbligazionari con l’avanzare del nuovo anno”, ha scritto John Stoltzfus , chief investment strategist di Oppenheimer, in una nota di martedì.

La storia lo dimostra Il mercato azionario statunitense è in ripresa dopo diversi anni. Infatti, l’S&P 500 ha, in media, guadagnato il 15% l’anno successivo dopo aver perso più dell’1%.

Le medie principali hanno chiuso il 2022 con le peggiori perdite annuali dal 2008, facendo scattare una serie di vittorie consecutive di tre anni. Il Dow ha chiuso l’anno in ribasso dell’8,8%, il 10,3% in meno del suo massimo di 52 settimane. L’S&P 500 ha perso il 19,4% per l’anno ed è sceso di oltre il 20% dal suo massimo storico. Il Nasdaq ad alto contenuto tecnologico è sceso del 33,1% lo scorso anno.

Gli investitori ottengono una serie di dati nella prima settimana di negoziazione dell’anno, che fornisce maggiori informazioni sullo stato dell’economia. Innanzitutto, il PMI manifatturiero globale S&P e la spesa per le costruzioni verranno pubblicati martedì alle 9:45 e alle 10:00 ET.

L’indagine sui posti di lavoro e sul turnover del lavoro di mercoledì, nota come JOLTS, sarà pubblicata al mattino e nel pomeriggio usciranno i verbali dell’ultima riunione politica della banca centrale.

Attendono con impazienza il rapporto sull’occupazione di dicembre di venerdì, il rapporto finale sull’occupazione che la banca centrale deve prendere in considerazione prima della prossima riunione del 1° febbraio. Ci sono anche diversi discorsi dei banchieri centrali giovedì e venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.