I salari sono aumentati di 261.000 in ottobre, meglio del previsto

Nonostante la Federal Reserve abbia alzato i tassi di interesse, la crescita dell’occupazione è stata più forte del previsto in ottobre.

I libri paga non agricoli sono aumentati di 261.000 nel mese, mentre il tasso di disoccupazione è salito al 3,7%, ha affermato venerdì il Dipartimento del lavoro. Quei numeri sui salari erano migliori della stima del Dow Jones per 205.000 posti di lavoro aggiuntivi, ma peggiori della stima del 3,5% per il tasso di disoccupazione.

Sebbene il numero fosse migliore del previsto, ha segnato un ritmo più lento nella creazione di posti di lavoro dopo dicembre 2020.

La retribuzione oraria media è aumentata del 4,7% rispetto a un anno fa e dello 0,4% per il mese, indicando che è probabile che la crescita salariale rimanga sotto pressione poiché i salari del lavoro sono ancora al di sotto del tasso di inflazione. Il guadagno mensile è stato leggermente superiore alle stime dello 0,3%.

L’assistenza sanitaria ha guidato i guadagni di lavoro, aggiungendo 53.000 posizioni, mentre i servizi professionali e tecnici hanno contribuito con 43.000 e la produzione è aumentata di 32.000.

Il tempo libero e l’ospitalità hanno registrato una solida crescita, aggiungendo 35.000 posti di lavoro, sebbene il ritmo degli aumenti sia stato significativamente più lento rispetto a quello registrato nel 2021. Il gruppo, che comprende lavori in hotel, ristoranti e bar, guadagna una media di 78.000 al mese. Quest’anno, rispetto ai 196.000 dell’anno scorso.

Durante la stagione dello shopping natalizio, le vendite al dettaglio hanno guadagnato solo 7.200 posti di lavoro. Il commercio totale ha aggiunto 15.000, mentre il trasporto e il magazzino sono aumentati di 8.000.

Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è diminuito di un decimo al 62,2%, mentre il tasso di disoccupazione è aumentato di 0,2 punti percentuali. Una misura proxy della disoccupazione, che include i lavoratori scoraggiati e coloro che svolgono un lavoro part-time per motivi economici, è salita al 6,8%.

Mercato azionario I futures sono aumentati in seguito al rilascio dei libri paga non agricoliAllo stesso tempo, anche le entrate del tesoro erano elevate.

Il numero di posti di lavoro di settembre è stato rivisto fino a 315.000, in aumento di 52.000 rispetto alla stima originale. La cifra di agosto è scesa di 23.000 a 292.000.

Le nuove cifre arrivano mentre la banca centrale è impegnata in una campagna per ridurre l’inflazione, che è in corso all’8,2% all’anno, secondo una misura del governo. All’inizio di questa settimana, la banca centrale ha approvato il suo quarto aumento consecutivo dei tassi di interesse di 0,75 punti percentuali.

Questi aumenti hanno lo scopo di raffreddare il mercato del lavoro, dove ci sono ancora circa due posti di lavoro per ogni lavoratore disoccupato. Anche con un ritmo più lento, la crescita dell’occupazione è ben superiore al livello pre-pandemia, con una crescita salariale mensile media di 164.000 nel 2019.

Ma Tom Borcelli, capo economista statunitense di RBC Capital Markets, ha affermato che il quadro più ampio è quello di un mercato del lavoro in lento deterioramento.

“Questa cosa non cade da un dirupo. È una faticaccia su uno sfondo lento”, ha detto. “È così che funziona ogni volta. Quindi è ridicolo che le persone vogliano appendere il cappello a questo indicatore di ritardo per determinare dove stiamo andando”.

In effetti, ultimamente ci sono segni di crepe.

Amazon L’annuncio arriva dopo che il rivenditore online ha dichiarato che stava tagliando nuove assunzioni per i suoi lavori di vendita al dettaglio aziendale dopo aver affermato che giovedì avrebbe sospeso le assunzioni tra i suoi dipendenti aziendali.

Ulteriore, Mela Ha detto che questo soffocherebbe le nuove assunzioni, fatta eccezione per la ricerca e lo sviluppo. Un’azienda di trasporti Sollevare Ha annunciato che avrebbe tagliato il 13% della sua forza lavoro, mentre la società di pagamenti online Stripe ha affermato che avrebbe tagliato il 14% della sua forza lavoro.

Governatore della Banca Centrale Girolamo Powell Mercoledì ha definito il mercato del lavoro “surriscaldato” e ha affermato che l’attuale ritmo degli aumenti salariali è “molto alto” in linea con l’obiettivo di inflazione del 2% della banca centrale.

“La domanda è ancora forte”, ha affermato Amy Glaser, vicepresidente senior delle operazioni commerciali presso la società di reclutamento e reclutamento di personale Adecco. “Tutti si aspettano che a un certo punto inizieremo a vedere un cambiamento nella domanda. Ma finora abbiamo continuato a vedere il mercato del lavoro sfidare la legge della domanda e dell’offerta”.

La domanda è particolarmente forte nei settori del magazzino, della vendita al dettaglio e dell’ospitalità, ha affermato Glaser La pandemia covid.

Questa è una notizia dell’ultima ora. Tornate qui per controllare la presenza di aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.