Il capitale cinese passa dalla furia zero-covid alla gestione della pandemia

PECHINO, 11 dicembre (Reuters) – Il malumore di Pechino a causa del COVID-19 si è approfondito domenica con la chiusura di molti negozi e altre attività commerciali e un esperto ha avvertito di molte migliaia di nuovi casi di coronavirus, poiché la rabbia per le precedenti politiche Covid della Cina ha portato a preoccupazione per la sua gestione di la pandemia. .

Mercoledì la Cina ha abbandonato le sue rigide restrizioni COVID dopo le proteste senza precedenti contro di loro il mese scorso, ma le città già alle prese con i focolai più gravi, come Pechino, hanno visto un forte calo dell’attività economica dopo che regole come i test di routine sono state revocate.

Prove aneddotiche suggeriscono che molte aziende sono state costrette a chiudere poiché i lavoratori infetti sono isolati a casa e molti decidono di non uscire a causa dell’elevato rischio di infezione.

Zhong Nanshan, un eminente epidemiologo cinese, ha dichiarato ai media statali che il tipo di virus Omicron che circola in Cina è altamente contagioso, con una persona infetta che infetta fino a 18 persone.

“Possiamo vedere centinaia di migliaia o decine di migliaia di persone colpite in molte grandi città”, ha detto Zhang.

Le cifre ufficiali per i nuovi casi sono diminuite poiché i test Covid di routine sui residenti di Pechino sono stati eliminati e limitati a gruppi come gli operatori sanitari.

I funzionari sanitari hanno segnalato 1.661 nuove infezioni a Pechino sabato, in calo del 42% rispetto alle 3.974 del 6 dicembre, un giorno prima che le politiche nazionali venissero drasticamente allentate.

Ma le prove suggeriscono che ci sono molti più casi nella città di quasi 22 milioni di persone, dove tutti conoscono qualcuno che ha contratto il COVID.

“Nella mia azienda, il numero di persone Covid-negative è vicino allo zero”, ha detto una donna che lavora in un’azienda di turismo ed eventi a Pechino, che ha chiesto di essere identificata solo come Nancy.

“Ci rendiamo conto che questo è inevitabile: tutti devono lavorare da casa”, ha detto.

‘alto rischio’

La domenica è un normale giorno lavorativo per i negozi a Pechino, che di solito è vivace, soprattutto in luoghi come lo storico quartiere di Shichahai, pieno di boutique e caffè.

Ma i centri commerciali nel quartiere più popoloso di Pechino, Chaoyang, erano in giro domenica.

Gli economisti si aspettano ampiamente che il percorso della Cina verso la salute economica sarà accidentato, poiché i lavoratori sono malati e gli shock come le crisi del lavoro richiedono un po’ di tempo per una ripresa su vasta scala.

“Una transizione a zero-COVID alla fine consentirà ai modelli di spesa dei consumatori di tornare alla normalità, ma l’alto rischio di infezione deprimerà la spesa privata mesi dopo la riapertura”, ha affermato Mark Williams, capo economista asiatico di Capital Economics. detto in una nota.

Secondo Capital Economics, l’economia cinese potrebbe crescere dell’1,6% nel primo trimestre del 2023 e del 4,9% nel secondo anno.

L’epidemiologo Zhang ha aggiunto che ci vorranno mesi per tornare alla normalità.

“La mia opinione è dopo marzo nella prima metà del prossimo anno”, ha detto.

Sebbene la Cina abbia revocato le restrizioni interne al Covid, i suoi confini internazionali sono ancora in gran parte chiusi agli stranieri, compresi i turisti.

I viaggiatori in arrivo sono soggetti a cinque giorni di quarantena presso strutture governative centralizzate e altri tre giorni di autocontrollo a casa.

Ma ci sono anche indizi che quella regola potrebbe cambiare.

A partire da sabato, il personale del principale aeroporto internazionale della città di Chengdu, alla domanda se le regole di quarantena fossero allentate, ha affermato che spetta alle autorità del quartiere di una persona se sottoporsi o meno a tre giorni di quarantena domestica.

(Questa storia è stata ristampata per correggere l’ortografia di ‘donna’ nel paragrafo 9)

Reportage di Ryan Woo, Albee Zhang, Josh Arslan, Liz Lee e Judy Hua; Montaggio di Robert Birzel

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.