Il capo della pubblica sicurezza del Texas ha testimoniato che gli agenti potrebbero aver arrestato Wolde tre minuti dopo che l’uomo armato era entrato nella scuola.

Sulla scena del massacro della scuola di Wolde, c’erano abbastanza agenti per fermare l’uomo armato tre minuti dopo che era entrato nell’edificio, e il capo della polizia di stato del Texas ha testimoniato martedì che non hanno mai controllato se la porta dell’aula fosse chiusa a chiave. La risposta alle forze dell’ordine è “cattivo fallimento”.

Invece gli agenti di polizia con le pistole erano in attesa Aspettato nell’aula della scuola per circa un’ora L’uomo armato ha effettuato l’attacco del 24 maggio alla Rob Elementary School Morirono 19 bambini e due insegnanti. L’uomo armato di 18 anni ha usato un fucile semiautomatico AR-15.

“Non mi interessa se hai infradito e bermuda, vai dentro”, ha detto il colonnello Steve McGrath, direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, in una testimonianza violenta all’udienza del Senato dello stato.

La porta dell’aula non poteva essere chiusa a chiave dall’interno, ma non c’era alcuna indicazione che gli agenti avessero cercato di aprirla quando l’uomo armato l’ha perforata, ha affermato il colonnello Steve McGrath, direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas. Testimonianza all’udienza del Senato dello Stato. Invece, la polizia ha aspettato una chiave.

“Ho ottime ragioni per credere che non sia mai stato protetto”, ha detto McGrath della porta. “Che ne dici di provare a vedere se la porta è chiusa?”

I ritardi nella risposta delle forze dell’ordine sono diventati il ​​fulcro delle indagini federali, statali e locali.


Il funzionario del Texas testimonia la risposta delle forze dell’ordine alla sparatoria di Uvalde

01:20:29

McGrath ha spiegato al capo della polizia del distretto scolastico di Wolde, Pete Arodonto: “L’unica cosa che impedisce agli agenti dedicati di entrare nelle stanze 111 e 112 è il comandante della scena che ha deciso di uccidere le vite degli agenti. Le vite dei bambini”.

“Ovviamente, non c’era abbastanza addestramento in questa situazione, è stato semplice e diretto perché il comandante in loco ha preso decisioni terribili”, ha detto McGrath. Ha detto che gli investigatori non sono stati in grado di “ri-intervistare” Arredonto.

Il capo della pubblica sicurezza ha presentato la sequenza temporale secondo cui tre agenti con due pistole sono entrati nell’edificio entro tre minuti dallo sparo. Pochi minuti dopo sono entrati molti altri agenti.

La decisione della polizia di trattenere la maggior parte di ciò che le forze dell’ordine hanno appreso nei due decenni trascorsi dalla sparatoria alla Columbine High School del 1999 in Colorado ha ucciso 13 persone, ha detto McGrath.

“Non devi aspettare la squadra SWAT. Hai un ufficiale, basta”, ha detto. Ha aggiunto che gli ufficiali non devono aspettare che gli scudi entrino in classe. Secondo McGrath, il primo scudo è arrivato entro 20 minuti dall’ingresso del tiratore.

Inoltre, otto minuti dopo l’ingresso del tiratore, un agente ha detto che la polizia aveva un piede di porco “canaglia” che poteva essere usato per sfondare la porta della classe, ha detto McGrath.

Sparatoria in una scuola del Texas
Steve McGrath, direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, ha testimoniato all’audizione del Senato del Texas martedì 21 giugno 2022 presso lo State Capitol di Austin, in Texas, utilizzando una mappa della Rob Elementary School di Wolverhampton, in Texas.

Eric K/AB


La polizia di stato inizialmente ha detto che l’uomo armato è entrato nella scuola attraverso una porta esterna aperta da un insegnante. Tuttavia, l’insegnante ha chiuso la porta, ma a sua insaputa, McGrath ha detto che poteva essere chiusa solo dall’esterno. L’uomo armato “ha camminato dritto”, ha detto McGrath.

L’uomo armato aveva familiarità con l’edificio ed era un bambino di quarta elementare nella stessa classe in cui ha effettuato l’attacco, ha detto McGrath. Il capo della pubblica sicurezza ha detto che l’uomo armato non era stato in contatto con la polizia quel giorno.

Texas Sen. Paul Bettencourt ha detto che l’intero prototipo di chiusura e tiro sarebbe inutile se le porte non potessero essere bloccate.

Bettencourt ha sfidato Arredonto a testimoniare in pubblico e ha detto che avrebbe dovuto licenziarsi immediatamente. Ha sottolineato con rabbia di aver sentito degli spari mentre la polizia stava aspettando nel corridoio.

“Questa volta sono stati sparati almeno sei colpi”, ha detto. “Perché questa persona sta sparando? Sta uccidendo qualcuno. Ma il comandante di questo incidente ha trovato tutte le ragioni per non fare nulla.”

McCraw ha trascorso quasi cinque ore a fornire un quadro chiaro del massacro, delineando una serie di opportunità perse, interruzioni di comunicazione ed errori sulla base di un’indagine che includeva quasi 700 interviste. In caso di cattiva condotta:

  • Arredonto non ha la radio.
  • Le radio della polizia e dello sceriffo non funzionavano all’interno della scuola. Solo le radio degli agenti di pattuglia di frontiera in mostra funzionavano e non funzionavano correttamente.
  • Alcune delle mappe della scuola utilizzate dalla polizia per coordinare la loro risposta non sono corrette.

Le domande sulla risposta delle forze dell’ordine sono iniziate pochi giorni dopo l’assassinio. Tre giorni dopo la sparatoria, McGrath ha detto che Aradonto aveva preso la “decisione sbagliata” di non entrare in classe per più di 70 minuti, mentre i genitori angosciati fuori dalla scuola imploravano gli alunni di quarta elementare di chiamare i servizi di emergenza sanitaria all’interno di due classi. Gli ufficiali entrano.

Arrotondo ha poi affermato di non ritenersi responsabile e che la risposta delle forze dell’ordine è stata controllata da qualcun altro. Ha respinto le ripetute richieste di commento da parte dell’Associated Press.

Riguardo al tempo trascorso prima che gli agenti entrassero in classe, McGrath ha detto: “Nel contesto del licenziamento, è stato intollerabile”.

“Ha riportato la nostra attività indietro di un decennio. È quello che ha fatto”, ha detto della risposta della polizia a Wolverhampton.

Topshot-USA-Texas-Scuola-Crimine
Le croci decorano un memoriale temporaneo per le vittime della sparatoria del 31 maggio 2022 alla Rob Elementary School di Wolverhampton, in Texas.

Chandan Khanna tramite Getty Images/AFP


La polizia non ha trovato nulla con la bandiera rossa nei fascicoli della disciplina scolastica del tiratore, ma ha appreso attraverso interviste che era coinvolto in crudeltà sugli animali. “Andava in giro con un sacco di gatti morti”, ha detto McGrath.

Durante i giorni e le settimane della sparatoria, gli agenti hanno fornito resoconti contrastanti e fuorvianti di ciò che era accaduto, a volte ritirandosi poche ore dopo la pubblicazione dei rapporti. Ma McGrath ha assicurato ai legislatori: “Tutto ciò di cui ho testimoniato oggi è stato confermato”.

Se si potesse fare una sola raccomandazione, sarebbe per una formazione aggiuntiva, ha detto McGrath. Ha anche affermato che ogni auto di pattuglia di stato in Texas dovrebbe avere un “co-bag” che includa uno scudo e interruttori delle porte.

“Voglio che ogni truppa sappia come trasgredire e abbia gli strumenti per farlo”, ha detto.

Le famiglie delle vittime della sparatoria Richiede responsabilità Dalle forze dell’ordine dopo che Austin ha rilasciato una foto di un poliziotto armato in un’aula scolastica di uno statista americano. Le immagini recensite dal giornale mostrano un timestamp preso quasi un’ora prima che l’uomo armato fosse fermato.

Lunedì, durante una riunione del consiglio scolastico, diversi familiari delle vittime hanno chiesto emotivamente ad Aradonto di dimettersi.

Brett Gross, zio e tutore della vittima Uzziah Garcia, ha dichiarato: “Siamo stati sconfitti da Pete Arrotondo.

“Mia madre è morta proteggendo i suoi studenti. Ma chi proteggerà mia madre?” Ha detto Liliana Garcia, figlia di Irma Garcia, una delle due insegnanti morte nel tentativo di proteggere i loro studenti.

L’assistente di uno sceriffo anziano Lo ha detto il New York Times Due agenti di polizia della città di Uvalde hanno perso l’occasione di sparare all’uomo armato prima che potesse entrare nella scuola.

Ufficiali non identificati, uno dei quali era armato con un fucile in stile AR-15. Paura di picchiare i bambini Stava suonando sulla linea del fuoco fuori dalla scuola, ha detto al giornale Ricardo Rios, vicepresidente della vicina contea di Jawalla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.