Il dollaro guadagna slancio mentre i mercati salgono per i tassi lunghi

Le banconote in dollari statunitensi sono visibili in questa illustrazione presa il 17 luglio 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

LONDRA, 29 ago (Reuters) – Il dollaro è salito lunedì, toccando brevemente un nuovo massimo da 20 anni contro un paniere di altre valute, poiché il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha segnalato che i tassi di interesse sarebbero stati aumentati per un periodo più lungo per ridurre l’inflazione eccessivamente alta .

L’indice del dollaro, che misura il valore della valuta rispetto a un paniere di controparti, ha toccato un nuovo massimo da due decenni a 109,48 prima di ritirarsi leggermente nella sessione europea.

È stato dello 0,5% più stabile rispetto allo yen giapponese, mentre lo yuan cinese ha superato la soglia chiave di 6,9 per dollaro e la sterlina britannica ha toccato un nuovo minimo di 2 anni e mezzo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’euro è riuscito a ritirarsi leggermente e l’ultima volta è salito dello 0,3% a $ 0,9993 poiché i commenti della Banca centrale europea hanno sollevato le aspettative per un aumento più contenuto dei tassi di settembre. leggi di più

I mercati di Londra sono stati chiusi per il giorno festivo.

Alla conferenza della Fed di Jackson Hole nel Wyoming venerdì, Powell ha affermato che la Fed aumenterà i tassi quanto necessario per frenare la crescita e mantenerli lì “per qualche tempo” per ridurre l’inflazione più che triplicata della Fed. Obiettivo del 2%.

“I commenti di Powell hanno approvato il costo di un tasso sui fondi Fed più elevato a lungo termine”, ha affermato Kenneth Brooks, stratega valutario di Société Générale. “L’ipotesi che la Fed inizi a tagliare i tassi a metà del 2023 è prematura”.

I mercati monetari hanno aumentato le scommesse su un aumento più aggressivo del tasso della Fed a settembre, vedendo ora le probabilità di un aumento di 75 punti base del 70%. I rendimenti dei Treasury statunitensi sono aumentati e il rendimento delle obbligazioni a due anni ha raggiunto il massimo da 15 anni di circa il 3,49%, sollevando il biglietto verde.

Indice del dollaro ai massimi da 20 anni, i rendimenti salgono

Il dollaro è salito dello 0,54% a 138,43 yen, il massimo dal 21 luglio.

Lo yuan onshore ha chiuso il commercio interno a 6,9210 per dollaro, la sua conclusione più debole dal 20 agosto 2020, mentre lo yuan onshore è sceso a 6,9325 per dollaro in due anni.

La sterlina è scesa al minimo di 2 anni e mezzo di $ 1,1649 e l’ultima volta è scesa dello 0,25% a $ 1,17005. leggi di più

Sono aumentate anche le aspettative per un rialzo dei tassi a settembre nell’area dell’euro. Sabato il membro del consiglio di amministrazione della BCE Isabel Schnabel ha avvertito che le banche centrali rischiano di perdere la fiducia del pubblico e devono agire con forza per controllare l’inflazione, anche se ciò trascina le loro economie in recessione.

“Data l’inflazione, le banche centrali non hanno alcun interesse in nient’altro che essere aggressivi in ​​questo momento, quindi aumenteranno i tassi in modo aggressivo”, ha affermato Jan van Gerich, capo analista di Nordea.

Tuttavia, l’euro è stato ostacolato da una crisi energetica che solleva rischi di recessione. Gazprom, la compagnia energetica statale russa (GAZP.MM) La fornitura di gas naturale all’Europa dovrebbe essere interrotta dal 31 agosto al 2 settembre. leggi di più

Il dollaro australiano è sceso al livello più basso dal 19 luglio a $ 0,6838 quando il sentimento di avversione al rischio ha attanagliato i mercati globali, mentre il dollaro kiwi è sceso a $ 0,61 da metà luglio.

Tra le criptovalute, Bitcoin ha recuperato terreno, ma è rimasto al di sotto del livello minimo di $ 20.000 alla fine della settimana. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Dichiarazione di Dhara Ranasinghe; Segnalazioni aggiuntive di Ray Wei a Singapore; Montaggio: Christina Finzer e John Harvey

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.