Il giudice ha chiesto agli avvocati di Trump se Trump avesse dati riservati nella ricerca dell’FBI

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

NEW YORK, 20 settembre (Reuters) – Un giudice statunitense incaricato di esaminare i documenti sequestrati dall’FBI il mese scorso nella casa di Donald Trump in Florida, martedì ha esercitato pressioni sugli avvocati di Trump. Egli ha detto.

Il giudice Raymond Dearie – che funge da arbitro indipendente o maestro speciale per esaminare più di 11.000 documenti sequestrati e potrebbe raccomandare di tenerne alcuni agli investigatori federali – ha chiesto agli avvocati di Trump perché i documenti riservati effettivi non dovrebbero essere presi in considerazione.

“Se il governo mi fornisce prove prima facie (un termine legale che si presume sia vero se non provato) è classificato, e se decidi di non presentare una richiesta di classificazione … per quanto mi riguarda è finita “, ha detto Deary agli avvocati di Trump durante la sua prima udienza pubblica.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Deary, l’anziano giudice federale di Brooklyn a cui gli avvocati di Trump hanno raccomandato di ricoprire il ruolo di maestro speciale, non ha emesso una sentenza.

Circa 100 dei documenti che sono stati sequestrati in una perquisizione autorizzata dal tribunale dell’8 agosto nella casa di Trump nel resort di Mar-a-Lago a Palm Beach contenevano un’identificazione classificata. L’avvocato di Trump, James Trusty, ha affermato che era troppo presto per dire che Trump ha usato i suoi poteri per declassificare i documenti mentre era ancora presidente, una posizione che Deary ha suggerito ha indebolito l’affermazione.

“Non puoi avere la tua torta e mangiarla”, ha detto il giudice.

A Mar-a-Lago, il Dipartimento di Giustizia sta conducendo un’indagine penale su Trump per aver conservato i documenti del governo dopo che ha lasciato l’incarico nel gennaio 2021. Un attacco pregiudizievole.

Trump ha affermato nei post sui social media che le registrazioni erano riservate, ma i suoi avvocati hanno evitato la questione in tribunale.

I tre statuti alla base del mandato di perquisizione utilizzato dall’FBI a Mar-a-Lago rendono un crimine manomettere i documenti del governo indipendentemente dal loro stato di classificazione.

Deary ha assunto il compito di raccomandare al giudice distrettuale degli Stati Uniti con sede in Florida Eileen Cannon, che sta guidando la lotta per l’accesso ai documenti sequestrati che potrebbero essere protetti da una dottrina legale di riservatezza avvocato-cliente o privilegio esecutivo. Un presidente può mantenere segreti determinati documenti o informazioni.

Gli avvocati di Trump hanno affermato che ora non è il momento di presentare informazioni specifiche relative alla classificazione, affermando in una lettera depositata prima dell’udienza che sarebbero costretti a rivelare una difesa a qualsiasi successiva accusa, riconoscendo che l’indagine potrebbe portare a sanzioni penali addebiti. .

L’ordine di Cannon di nominare Deary come maestro speciale gli chiedeva di completare la sua revisione entro la fine di novembre e di dare la priorità ai documenti contrassegnati come classificati. Il processo istituito da Cannon per far esaminare i documenti dell’avvocato di Trump potrebbe non aver richiesto l’autorizzazione di sicurezza del governo degli Stati Uniti per i membri del suo team legale.

Il fiduciario Deary ha chiesto agli avvocati di consentire a più membri della squadra di Trump di ottenere autorizzazioni formali. Deery ha affermato che l’accesso dovrebbe essere concesso solo a coloro che hanno davvero bisogno di vedere materiale classificato.

Julie Edelstein, il pubblico ministero, ha detto in udienza che alcuni documenti erano così delicati che persino alcuni membri della commissione giudiziaria non erano autorizzati a vederli.

Il Dipartimento di Giustizia venerdì ha presentato ricorso all’11a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti con sede ad Atlanta, parte della sentenza di Cannon che consente al maestro speciale di esaminare i documenti contrassegnati come classificati e al giudice che limita l’accesso dell’FBI ad essi.

Martedì il team legale di Trump si è opposto alla richiesta del governo e ha definito l’indagine del Dipartimento di Giustizia “senza precedenti e impropria”.

Il dipartimento ha avviato le sue indagini dopo che i National Archives, l’agenzia statunitense responsabile della conservazione dei documenti del governo, hanno ricevuto 15 scatole di documenti classificati in seguito ai tentativi di Trump di recuperare le proprietà del governo scomparse.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazioni di Karen Frefeld e Luke Cohen a New York, Sarah N. Segnalazione aggiuntiva di Lynch; Montaggio di Scott Malone, Will Dunham, David Gregorio e Chisu Nomiyama

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.