Il Pentagono respinge per la seconda volta la richiesta del sindaco di DC Muriel Bowser, la Guardia Nazionale di aiutare gli immigrati che arrivano nella capitale della nazione

Il Pentagono, secondo una copia della lettera di rifiuto esaminata dalla CNN, ha affermato che l’utilizzo della Guardia Nazionale della DC “non sarebbe appropriato” e che il Dipartimento della Difesa “non è stato in grado di onorare la tua richiesta”.

Il sindaco della DC Muriel Bowser ha risposto al rifiuto in una dichiarazione su Twitter, dicendo: “Andremo avanti con il nostro piano per assicurarci che le persone abbiano un sistema umano mentre attraversano Washington verso la loro destinazione finale. .”

Bowser inizialmente aveva richiesto il supporto della Guardia Nazionale della DC a fine luglio, dicendo che la città aveva raggiunto un “punto di svolta” con il numero di immigrati. I governatori del Texas e dell’Arizona hanno iniziato a trasportare i migranti in autobus dal confine meridionale alla capitale a partire da aprile per protestare contro le politiche di immigrazione del presidente Joe Biden.

Il Pentagono ha respinto la prima richiesta all’inizio di agosto, affermando che avrebbe influito sulla prontezza della Guardia Nazionale della DC e che la città ha ricevuto finanziamenti attraverso il programma alimentare e di ricovero di emergenza della FEMA.

Ma una settimana dopo quella smentita, Bowser ha ripresentato la sua richiesta di sostegno della Guardia Nazionale, cercando di affrontare alcune delle preoccupazioni sollevate dal Pentagono. Bowser ha affermato che la richiesta è di 90 giorni invece di una richiesta aperta e sarà limitata al supporto logistico per siti come “gestione delle strutture, cibo, servizi igienici e supporto a terra”.

Il sindaco ha ribadito la necessità che le strutture governative come la DC Armory siano utilizzate come “centri di riposo” dove gli sfollati possono rimanere fino a quando non possono spostarsi. “Il segretario non è riuscito a dimostrare di aver compreso il personale di emergenza e le sfide logistiche che mi hanno portato a fare questa drastica richiesta di risorse della nostra Guardia Nazionale”, affermava la sua lettera.

La Guardia Nazionale della DC, ha detto Bowser, è una “risorsa unica” per fornire supporto logistico alla città.

Invece di approvare la richiesta, il Pentagono ha ribadito la sua posizione precedente e ha spiegato in modo più completo le ragioni del rigetto.

Il Pentagono ha affermato che l’uso della Guardia Nazionale della DC avrebbe influito sulla prontezza dell’unità e che l’Armeria DC non era un luogo adatto per ospitare temporaneamente gli sfollati e che non era climatizzata e “richiedeva sostanziali riparazioni”. Molte le questioni”, si legge in una copia della lettera. Il Dipartimento della Difesa ha anche indicato le agenzie civili e le ONG che aiutano i migranti.

Lunedì, il sindaco ha affermato che la DC continuerà a lavorare con altre agenzie federali e organizzazioni non governative come parte di un piano per affrontare gli immigrati in arrivo. La statualità dovrebbe essere data alla DCDice che gli avrebbe dato l’autorità di chiamare la Guardia Nazionale senza l’approvazione del Pentagono.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Aaron Bellish della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.