Il rapporto della Corte Suprema degli Stati Uniti non riesce a trovare il colpevole nella fuga di notizie sulla sentenza sull’aborto

WASHINGTON, 19 gennaio (Reuters) – La Corte Suprema degli Stati Uniti non è stata in grado di scoprire giovedì dopo un processo di otto mesi che ha fatto trapelare una bozza della sua sentenza di successo che ha ribaltato la sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto a livello nazionale. In procedimenti di difesa nel più alto sistema giudiziario degli Stati Uniti.

La fuga di notizie – di cui il notiziario Politico ha pubblicato una bozza di sentenza il 2 maggio – ha scatenato una crisi interna al tribunale, alimentato una tempesta politica e scatenato manifestazioni di sostenitori del diritto all’aborto in tribunale, fuori e intorno alle case di alcuni dei nove giudici . Paese.

L’indagine, dettagliata in un rapporto di 20 pagine, ha rilevato che 82 dipendenti e giudici del tribunale avevano accesso a copie elettroniche o cartacee di una bozza di parere scritta dal giudice conservatore Samuel Alito che differiva leggermente dalla decisione finale. 24 giugno.

Un’indagine condotta dal capo della sicurezza del tribunale, Gail Curley, sotto la direzione del giudice capo John Roberts, non ha identificato prove della fuga di notizie e nessuno dei 97 dipendenti del tribunale intervistati ha ammesso la divulgazione. Il rapporto non ha chiarito se i giudici sono stati intervistati durante l’udienza.

Alcuni dipendenti hanno ammesso ai loro coniugi o partner che il rapporto ha ritenuto che la bozza di parere e il modo in cui i giudici hanno votato violassero le regole di riservatezza del tribunale.

La fuga di notizie segna una violazione senza precedenti della tradizione di segretezza della corte dietro le quinte di emettere sentenze dopo aver ascoltato le argomentazioni orali nei casi.

Il rapporto ha criticato alcuni dei protocolli di sicurezza interna della corte.

Dopo aver esaminato le apparecchiature informatiche del tribunale, le reti, le stampanti e i registri delle chiamate e dei messaggi di testo disponibili, gli investigatori non hanno trovato prove forensi per identificare il leaker, afferma il rapporto. Il rapporto ha accusato la corte di mantenere sistemi basati sulla fiducia con poche garanzie per limitare l’accesso a informazioni sensibili.

“La pandemia e la conseguente espansione della capacità di lavorare da casa, nonché le lacune nelle politiche di sicurezza del tribunale, hanno creato un ambiente che ha reso molto più semplice la rimozione di informazioni sensibili dall’edificio e dalle reti informatiche del tribunale. Il rischio di divulgazione intenzionale e accidentale di informazioni sensibili del tribunale”, afferma il rapporto.

Il rapporto afferma che le indagini continueranno seguendo eventuali nuove piste per identificare il colpevole. Ha aggiunto che gli investigatori non hanno “nulla da confermare” che la speculazione diffusa sui social media che un individuo specifico o un impiegato legale fosse il leaker.

Indipendentemente dal fatto che il leaker sia identificato, il rapporto raccomanda al tribunale di “sviluppare e attuare politiche migliori per la gestione delle informazioni sensibili del tribunale e determinare sistemi IT migliori per la sicurezza e la cooperazione”.

Il processo arriva in un momento di maggiore controllo della corte e preoccupazione per la sua erosione legale. Secondo un sondaggio Reuters/Ipsos condotto dal 13 al 15 gennaio, solo il 43% degli americani ha un’opinione favorevole della corte, in calo rispetto al 50% dello scorso maggio.

La divulgazione di un “rapporto del tribunale” che accompagnava il rapporto è stata una delle peggiori violazioni della fiducia della sua storia.

“La fuga di notizie non è un maldestro tentativo di protesta. È un grave attacco alla magistratura”, afferma la dichiarazione.

‘fallimento totale’

Roberts e la corte sono stati criticati per non aver risolto il mistero.

“Quindi la Corte Suprema scava arbitrariamente nella cronologia di Google degli impiegati legali, scarica i loro dati telefonici, registra alcune impronte digitali? E anche con queste intrusioni, non riportano praticamente nulla? La mia domanda è quanto attentamente hanno esaminato i giudici. Un possibile colpevole nella fuga di notizie ?” ha chiesto Gabe Roth, presidente del gruppo Fix the Court, che sostiene la riforma dei tribunali.

Gary Cervino, presidente del conservatore Judicial Crisis Network, ha scritto su Twitter che “riflette un completo fallimento del capo della giustizia dal lato esecutivo del suo ruolo”.

Brian Fallon, co-fondatore del gruppo legale liberale Demand Justice, ha affermato che la corte dovrebbe rivelare se i giudici sono stati intervistati durante le indagini, affermando che alcuni di loro e i loro coniugi potrebbero essere i principali sospettati.

“L’idea che i giudici stessi possano essere stati esclusi dalle indagini mina la credibilità dell’intero sforzo. Alla fine, sembra che la Corte Suprema sia più interessata a proteggere i propri membri che a giudicare questo giallo”, ha detto Fallon.

L’ex segretario alla sicurezza interna degli Stati Uniti Michael Chertoff ha definito “approfondita” l’indagine di Curley quando ha sfruttato per valutarla.

La sentenza ha confermato una legge del Mississippi che vieta l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza e ha posto fine al riconoscimento del diritto di una donna all’aborto ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti. Molti stati controllati dai repubblicani hanno rapidamente promulgato divieti di aborto.

Alito si è ritrovato coinvolto in un’altra controversia a novembre, dopo che il New York Times ha riportato l’affermazione del leader anti-aborto secondo cui era stato informato in anticipo di come la corte si sarebbe pronunciata in un importante caso del 2014 riguardante la copertura assicurativa per il controllo delle nascite delle donne.

Qualsiasi accusa secondo cui lui o sua moglie hanno fatto trapelare la decisione del 2014 è “assolutamente falsa”, ha detto Alito.

Reportage di Andrew Chung a New York, Nate Raymond a Boston e John Krusel a Washington; Segnalazione aggiuntiva di Jason Long a Washington; Montaggio di Will Dunham

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.