Il razzo cinese da 21 tonnellate cadrà sulla Terra dopo il lancio dalla stazione spaziale

Trasportava un razzo Long March 5B da 23 tonnellate Laboratorio Vendian volÈ decollato dall’isola di Hainan alle 14:22 ora locale di domenica 24 luglio e il modulo è attraccato con successo all’avamposto orbitale cinese.
Fatto il suo lavoro, il razzo si è diretto verso una discesa incontrollata nell’atmosfera terrestre, lasciando poco chiaro dove sarebbe atterrato. Questo segna la terza volta che il paese ha una discendenza illimitata Accusato Non gestisce correttamente i detriti spaziali dal suo stadio del razzo.
“È un pezzo di metallo da 20 tonnellate. Anche se si rompe quando entra nell’atmosfera, molti pezzi, alcuni dei quali molto grandi, raggiungeranno la superficie”, ha affermato il professor Michael Byers della University of British Columbia. Un insegnante Un recente studio sul rischio di morte per detriti spaziali.
I detriti spaziali rappresentano poco pericolo per l’uomo, ha spiegato Byers, ma potrebbero causare vaste aree di danni se atterrano in aree popolate. Byers ha detto a causa dell’aumento Rifiuto spazialeSecondo una ricerca pubblicata, quelle opportunità minori stanno diventando più comuni, soprattutto nel Sud del mondo Astronomia naturale Journal, i corpi di razzi hanno una probabilità circa tre volte maggiore di atterrare alle latitudini di Giacarta, Dhaka e Lagos rispetto a quelli di New York, Pechino o Mosca.

“Questo rischio è completamente evitabile perché ora esistono le tecnologie e i progetti di missione, che possono fornire repliche completamente casuali anziché incontrollate (di solito in parti remote degli oceani)”, ha affermato via e-mail.

Holger Kraag, capo dello Space Debris Office dell’Agenzia spaziale europea, ha affermato che la migliore pratica internazionale è quella di prendere di mira un’area remota dell’oceano ed effettuare un rientro controllato ogni volta che il rischio di vittime è elevato.

Ha detto che la zona di rientro per il razzo è geograficamente limitata solo tra le latitudini 41 gradi sud e 41 gradi nord dell’equatore.

Un portavoce ha detto che l’agenzia spaziale statunitense ha detto che avrebbe monitorato la caduta del razzo cinese sulla Terra.

Sulla base delle condizioni atmosferiche variabili, il punto esatto di ingresso della fase del razzo nell’atmosfera terrestre “non può essere individuato entro poche ore dal rientro”, ha detto il portavoce, ma si stima che rientri nell’atmosfera terrestre il 1° agosto.

La 18a Forza di difesa aerospaziale, parte dell’esercito americano, controllerà il rientro e fornirà aggiornamenti quotidiani sulla sua posizione.

La CNN ha contattato l’Agenzia spaziale umana cinese per un commento.

Jonathan McDowell, astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, ha affermato che i detriti spaziali che pesano più di 2,2 tonnellate vengono solitamente portati a un certo punto della prima orbita della Terra.

“Le cose grandi di solito non vengono messe in orbita senza un sistema di controllo attivo”, ha detto.

“Senza un sistema di controllo attivo e nessun motore riavviabile per tornare sulla Terra… cade in orbita e alla fine brucia per attrito con l’atmosfera”, ha detto McDowell. ha detto alla CNN.

I detriti di un razzo cinese cadono sulla Terra.  Questa non è la prima volta.

Dopo aver lanciato un altro modulo su un razzo simile lo scorso anno, la Cina è stata pesantemente criticata per la sua gestione dei detriti spaziali. I suoi detriti sono caduti nell’Oceano Indiano vicino alle Maldive 10 giorni dopo il lancio.

La Cina ha fallito in questo, ha detto la NASA “Rispettare gli standard responsabili”.

“Le nazioni che viaggiano nello spazio devono ridurre i rischi posti dal rientro di oggetti spaziali per persone e proprietà sulla Terra e aumentare la trasparenza riguardo a tali attività”, ha affermato all’epoca l’amministratore della NASA Bill Nelson.

In risposta alle critiche della Cina Accusare Ha accusato gli Stati Uniti, gli scienziati americani e la NASA di “agire contro la loro coscienza” e “anti-intellettualismo” per “crescenti timori” sul rientro dei razzi.
Nel 2020, Un nucleo di un razzo cinese — del peso di quasi 20 tonnellate — è rientrato nell’atmosfera terrestre in modo incontrollabile, passando attraverso Central Park a Los Angeles e New York City e precipitando direttamente nell’Oceano Atlantico.

I detriti spaziali, come i vecchi satelliti, rientrano quotidianamente nell’atmosfera terrestre, anche se la maggior parte passa inosservata perché brucia molto prima di toccare il suolo.

Sono solo grandi frammenti di detriti spaziali, come parti di veicoli spaziali e razzi, a rappresentare un pericolo minimo per gli esseri umani e le infrastrutture a terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.