Immigrati: il sindaco di New York Eric Adams dichiara l’emergenza sui richiedenti asilo


New York
CNN

Il sindaco Eric Adams ha dichiarato lo stato di emergenza per aiutare a rispondere alla crisi degli immigrati della città, che ha detto ai giornalisti venerdì costerà alla città 1 miliardo di dollari quest’anno fiscale.

“Abbiamo una situazione in cui più persone stanno arrivando a New York City in questo momento di quante ne possiamo accogliere immediatamente, comprese le famiglie con neonati e bambini piccoli”, ha detto Adams. “Se i richiedenti asilo possono essere ospitati dagli autobus di oggi, supereremo il maggior numero di persone mai registrato nel sistema di accoglienza della nostra città”.

Il sindaco ha chiesto aiuti federali e statali urgenti per gestire il continuo afflusso di richiedenti asilo.

La dichiarazione di Adams indirizzerà tutte le agenzie cittadine competenti a coordinare gli sforzi per rispondere alla crisi umanitaria e costruire i centri di risposta alle emergenze umanitarie e di soccorso della città. Lo stato di emergenza resterà in vigore per 30 giorni e potrà essere prorogato, ha affermato il sindaco.

New York City ora ha più di 61.000 persone nel suo sistema di accoglienza, tra cui migliaia di senzatetto e migliaia di richiedenti asilo che sono stati portati in autobus da altre parti del paese negli ultimi mesi, ha affermato il sindaco. Ha detto che più di 17.000 richiedenti asilo sono stati trasportati in autobus dal confine meridionale a New York dall’aprile di quest’anno.

Nella prima settimana di ottobre, Washington DC, New York City e Chicago hanno speso più di 18 milioni di immigrati in autobus, che sono stati processati e rilasciati dai funzionari dell’immigrazione al confine con il Texas. Il governatore del Texas Greg Abbott ha annunciato il piano ad aprile come parte della sua risposta alle politiche sull’immigrazione dell’amministrazione Biden e ha riconosciuto che è probabile che i contribuenti paghino il conto.

Il sistema di rifugi di New York City funziona al 100% della capacità, ha affermato Adams. La città prevede di spendere almeno 1 miliardo di dollari entro la fine dell’anno fiscale per far fronte all’afflusso di immigrati, ha affermato il sindaco, aggiungendo che se i richiedenti asilo continueranno ad entrare in città ai tassi attuali, la popolazione totale nel sistema di accoglienza sarà aumento. Supererà i 100.000 nel prossimo anno.

Adams ha detto che 42 hotel sono stati allestiti come rifugi di emergenza e 5.500 bambini migranti sono stati iscritti nelle scuole.

La città sta anche esplorando un possibile programma per i newyorkesi di fare volontariato per ospitare i richiedenti asilo e i “senzatetto” nelle loro case.

“I newyorkesi vogliono aiutare e renderemo loro la vita semplice e facile”, ha affermato il sindaco.

Adams ha detto a settembre che i funzionari Valutare come risponderanno all’afflusso di immigraticomprese le opzioni legali.

“Una volta che avremo definito come continueremo a essere all’altezza dei nostri obblighi legali e morali, lo annunceremo. Fino ad allora, faremo sapere alle persone cosa pensiamo e come lo faremo trovare modi creativi per risolvere questa crisi umanitaria provocata dall’uomo”, ha detto Adams in un evento non correlato.

Secondo due funzionari della città, il 18 settembre un numero record di migranti è stato portato in città in autobus, per un totale di nove, il massimo per un solo giorno in quest’ultima ondata. Almeno 1.011 richiedenti asilo sono arrivati ​​tra il 16 settembre e il 18 settembre, secondo un terzo funzionario cittadino.

Il Texas ha inviato più di 11.000 immigrati a New York City, Washington, DC e Chicago da agosto, ha annunciato l’ufficio di Abbott a settembre.

Abbott e altri che sostengono l’aumento delle restrizioni all’immigrazione sostengono che le politiche dell’amministrazione Biden hanno incoraggiato più persone ad attraversare il confine illegalmente. Alcuni candidati repubblicani hanno spinto la narrativa di un’invasione di immigrati con l’avvicinarsi delle elezioni di medio termine, promettendo di fare di più per reprimere l’immigrazione illegale.

La campagna degli autobus ha portato a un battibecco tra Abbott e Adams, la cui amministrazione ha accusato il governatore di usarlo come pedina politica e la cui città è stata a lungo considerata un santuario per gli immigrati. Il sindaco ha chiesto al governo centrale ulteriori risorse, comprese le strutture abitative. La Casa Bianca ha dichiarato di essere in contatto con Adams e ha promesso finanziamenti alla FEMA e altro supporto.

Adams ha detto di aver parlato con il sindaco di El Paso e ha detto che New York City non poteva ospitare così tanti richiedenti asilo. Ha detto che la città è stata in contatto con l’ufficio di Abbott, dicendo che il governatore del Texas e il suo team non sono stati aperti alla comunicazione.

Adams ha ribadito che New York City è ancora una città santuario.

“Non stiamo dicendo a nessuno che possiamo accogliere ogni immigrato a New York City”, ha detto lunedì il sindaco. “Non stiamo incoraggiando le persone a inviare otto o nove autobus al giorno. Non è quello che stiamo facendo. Stiamo dicendo che adempiremo a tale obbligo come città santuario. È quello che stiamo facendo”, ha detto disse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.