In Arizona è stata intentata una causa per interrompere la sorveglianza delle cassette di sicurezza



CNN

La sezione dell’Arizona della League of Women Voters ha intentato una causa alla corte federale martedì alla fine di martedì, prendendo di mira gruppi e individui che si dice stiano cospirando per intimidire gli elettori in Arizona attraverso uno sforzo coordinato noto come “Operazione Drop Box”.

La Lega è stata citata in giudizio presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto dell’Arizona dal gruppo Defending Democracy. Questa è la seconda causa intentata di recente presso un tribunale federale contro il comportamento di individui armati che hanno filmato gli elettori alle urne in Arizona.

La causa sostiene che la condotta ha violato il Voting Rights Act e un’altra legge federale che vieta le cospirazioni per intimidire gli elettori. Chiede un’ordinanza del tribunale che vieti agli imputati di “intimidire ulteriormente gli elettori o violare la legge”.

Nella causa, la lega sostiene che il comportamento delle persone che controllano le cassette postali nelle contee di Yavapai e Maricopa fa parte di un “programma crescente di intimidazioni e molestie nei confronti degli elettori in Arizona” che mina i diritti degli elettori di votare “liberamente” . da intimidazioni, minacce o coercizione”.

L’organizzazione per i diritti di voto sostiene che i Lions of Liberty LLC e il Yavapai County Preparedness Team – due gruppi che secondo la lega sono affiliati alle guardie giurate della contea di Yavapai – hanno “orchestrato in modo aggressivo” la campagna, insieme a un gruppo noto come Clean Elections USA. Coordinamento e reclutamento degli elettori dell’Arizona per campagne diffuse per rintracciarli e intimidirli alle urne e, in modo infondato, direttamente o indirettamente, denunciare frode elettorale e diffondere false informazioni su metodi di voto legalmente validi.

Un funzionario del comitato per la preparazione della contea di Yavapai ha rifiutato di commentare il caso quando è stato contattato dalla CNN martedì. Un avvocato di Clean Elections USA non ha risposto immediatamente a una richiesta della CNN. La CNN ha contattato i Lions of Liberty attraverso il sito web del gruppo.

La tuta rileva che il comportamento delle guardie – alcune delle quali indossavano maschere e equipaggiamento tattico – sembrava ispirato da loro. Immagine eliminata Chiamato “2000 Donkeys”, postulava una teoria del complotto di destra secondo cui i cosiddetti “muli del voto” hanno lasciato illegalmente molti voti nelle cassette postali durante le ultime elezioni. La causa rileva che il film è stato “completamente screditato dagli esperti” e include “immagini di elettori innocenti che votano legalmente” per “alimentare una pericolosa teoria del complotto”.

I raccoglitori di urne diffondono la menzogna secondo cui gli arizona stanno infrangendo la legge ogni volta che depositano una scheda elettorale per un’altra persona, quando in realtà la legge statale consente ai membri della famiglia, ai caregiver e ai funzionari elettorali di farlo. Aiuta gli elettori lasciando i loro voti.

La causa sostiene che i Lions of Liberty e il Comitato per la preparazione della contea di Yavapai “si sono impegnati in una campagna diffusa per monitorare tutte le cassette postali nella contea di Yavapai, filmare gli elettori e denunciare gli elettori che depositano più schede elettorali alle forze dell’ordine”. Il programma prevede che i “patrioti” monitorino a turni tutte le cassette postali della contea, scattino foto di qualsiasi elettore che depositi più di una scheda, la loro auto e targhe e quindi riportino i loro risultati. Sceriffo della contea di Yavapai.

La lega afferma che Clean Elections USA e il suo fondatore, Melody Jennings, hanno organizzato una campagna in tutto lo stato chiamata “Dropbox Initiative 2022” per tracciare e molestare gli elettori, intesa a “tassare” gli elettori accusandoli in modo infondato di essere “muli”. esponendo pubblicamente le proprie informazioni personali online”, ha affermato la causa.

All’inizio di questa settimana, l’Associazione per i pensionati e l’Organizzazione per gli elettori latini A Ordine restrittivo provvisorio Contro le elezioni pulite USA e la sua fondatrice, Melody Jennings, l’hanno accusata di coordinare una campagna di intimidazione degli elettori. Arizona.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Michael Lipurti ha dichiarato mercoledì in udienza di sperare di emettere la sua sentenza sul caso entro venerdì, ma ha affermato che potrebbe richiedere il fine settimana per essere completato.

La causa sostiene che Clean Elections USA ha violato la legge federale relativa a incidenti vicino alle urne in Arizona e indica tre denunce presentate dagli elettori ai funzionari elettorali nello stato.

Il Segretario di Stato dell’Arizona ha inoltrato questa e molte altre minacce simili al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

L’avvocato degli imputati, Veronica Lucero, ha respinto le accuse mercoledì, dicendo al giudice che non c’erano prove dirette a sostegno del trattamento del suo cliente, che è stato segnalato come una minaccia per i funzionari elettorali dell’Arizona.

Ma gli avvocati dei querelanti hanno presentato diversi testimoni che hanno affermato di essere stati intimiditi dal comportamento delle persone – alcune delle quali armate – alle urne in tutta l’Arizona.

Entrambi i gruppi, l’Arizona Alliance for Retired Americans e Voto Latino, stanno cercando un’ingiunzione temporanea e un’ingiunzione preliminare che impedirebbe agli imputati di “radunarsi in vista delle cassette di sicurezza; seguire gli elettori o potenziali elettori o i loro veicoli dentro o intorno alle cassette di sicurezza; prendere fotografie di elettori o potenziali elettori; o registrazione; addestrare, organizzare o dirigere altri a compiere tali atti.

Questa storia è stata aggiornata mercoledì con ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.