La NASA scopre come suonano i buchi neri e pubblica il “Remix” spaziale

Commento

Come suona un buco nero? Sia “inquietante” che “carino”, secondo coloro che hanno ascoltato il clip audio pubblicato su Twitter dalla NASA.

L’agenzia spaziale americana ha twittato Remixare la sonificazione Il buco nero al centro della costellazione del Perseo si trova a circa 240 milioni di anni luce dalla Terra. Secondo la NASA, le onde sonore identificate lì quasi due decenni fa sono state “estratte e rese udibili” per la prima volta quest’anno.

34 secondi Clip Molti erano indignati dal fatto che un buco nero potesse scappare, per non parlare dei suoni inquietanti e striduli simili a ronzii che infiammano i social media.

Ma l’idea che non ci sia suono nello spazio è in realtà un “malinteso popolare”, ha affermato l’agenzia. Mentre la maggior parte dello spazio è vuoto, senza un mezzo attraverso il quale le onde sonore possono viaggiare, un ammasso di galassie “contiene un’abbondanza di gas che include centinaia o migliaia di galassie, fornendo un mezzo attraverso il quale le onde sonore possono viaggiare”, ha spiegato.

La clip, descritta dalla NASA come un “remix del buco nero”, è stata pubblicata per la prima volta all’inizio di maggio in concomitanza con la Black Hole Week della NASA, ma un tweet del team di Exoplanets della NASA domenica ha effettivamente visto più di 13 milioni di visualizzazioni. metodo.

Le onde sonore sono state scoperte nel 2003, quando e poi 53 ore di monitoraggioI ricercatori dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA “hanno scoperto che le onde di pressione emesse dal buco nero causavano increspature nel gas caldo dell’ammasso, che potrebbero essere tradotte in modo specifico”.

Ma secondo la NASA, gli esseri umani non potevano sentire quella nota perché la sua frequenza era così bassa – l’equivalente del si bemolle, circa 57 ottave sotto la nota C centrale del pianoforte. Quindi gli astronomi di Chandra hanno remixato il suono e aumentato la sua frequenza di 57 e 58 ottave. “Un altro modo per dirla è che vengono ascoltati tra 144 quadrilioni e 288 quadrilioni di volte la loro frequenza originale”, ha detto la NASA.

Immagini “incredibili” di Giove rivelate dal telescopio James Webb della NASA

Quando Kimberly Arcand, la principale investigatrice del progetto di sonificazione, ha sentito il suono per la prima volta alla fine del 2021 – quella che ha descritto come “una bellissima colonna sonora di Hans Zimmer con uno stato d’animo davvero alto” – ha sussultato per l’eccitazione.

“È una meravigliosa rappresentazione di ciò che avevo in mente”, ha detto al Washington Post lo scienziato della visualizzazione di Chandra e leader tecnologico emergente. Ma è stato un “punto di svolta” per l’intero progetto di sonificazione che “ha davvero acceso l’immaginazione delle persone”, ha detto.

Indica anche aree di ricerca future. “L’idea che ci siano questi buchi neri supermassicci in tutto l’universo… eruttare composizioni incredibili è una cosa davvero impressionante”, ha aggiunto Arcand.

Una voce profonda dallo spazio profondo

Gli esperti avvertono che se ti trovi vicino a un buco nero, il suono nel remix della NASA non sarà esattamente quello che stai ascoltando. Le orecchie umane “potrebbero non essere abbastanza sensibili per captare quelle onde sonore”, ha detto al Post Michael Smith, professore di astronomia all’Università del Kent in Inghilterra. “Ma sono lì, sono la frequenza giusta e se la amplifichiamo … possiamo sentirla”, ha detto Smith. Lo ha paragonato a una radio: “Alzi il volume, il volume è più alto e puoi sentirlo”.

Arcand ha detto che l’idea è nata durante la pandemia di coronavirus. È stato coinvolto nella conversione della luce a raggi X catturata dal telescopio orbitante di Chandra in immagini, nella creazione di modelli 3D e nel rendere tali dati accessibili a persone ipovedenti o assenti. Quando la pandemia ha colpito, è diventato difficile mantenere il progetto a distanza.

Così, insieme ad altri colleghi, decise di provare qualcosa di nuovo: la sonificazione, ovvero il processo di traduzione dei dati astronomici in suono. Gli esperti ciechi del gruppo hanno anche incoraggiato Arcand a “pensare in modo diverso” sul valore della traduzione di set di dati complessi in suoni.

Osservando i dati del 2003 dall’ammasso di galassie di Perseo, lei e i suoi colleghi hanno lavorato per determinare le proprietà delle onde di pressione e ridurre il suono che emettono, quindi aumentare la loro frequenza.

La decisione di rilasciare la “ri-sonificazione” di dati di quasi due decenni fa fa parte degli sforzi dell’agenzia. Usa i social media per la comunicazione critica Risultati scientifici in parole povere ai suoi milioni di seguaci.

Attraverso una partnership con Twitter, la NASA ha scoperto che “mentre i suoi fan si sono goduti foto straordinarie di viaggi nello spazio e filmati dietro le quinte, c’era anche un gruppo che voleva sapere che aspetto avesse lo spazio”. Scritto dall’azienda In un comunicato stampa.

Alcuni esperti hanno affermato che la clip era inquietante perché il suono era “in qualche modo lo sentiresti se fossi lì”, ha detto Chris Lindott, professore di astrofisica all’Università di Oxford. ha scritto su Twitter martedì, come se avessi un dispositivo che traduce e registra il suono direttamente da un ammasso di galassie alla Terra.

“La sonificazione dei dati è divertente e utile, specialmente per le persone che non possono vedere le immagini. Ma a volte può essere usata per far sembrare le cose” più profonde “di come sono qui”, ha aggiunto Linot.

Ma il professor Smith, dell’Università del Kent, ha affermato: “È perfettamente ragionevole dire che ci sono onde sonore. [in the galaxy cluster]Se fossimo lì, potremmo sentirli se avessimo orecchie abbastanza sensibili.

Tuttavia, ha ammesso, “queste galassie sono così lontane che dobbiamo fare molte ipotesi per renderle udibili da noi se fossimo lì”.

Arcand ha affermato di comprendere le critiche di alcuni ambienti secondo cui la sonificazione è un processo complicato, in particolare perché la combinazione di pressione, calore e gas che guida le onde sonore all’interno dell’ammasso di galassie di Perseo è specifica per quell’ambiente. Ma il valore della sonificazione, ha detto, l’ha fatta “metterlo in discussione in modi diversi”.

“È una grande rappresentazione della scienza, secondo me, e un suono inquietante!” Carol Mundell, presidente del dipartimento di astrofisica dell’Università di Bath in Inghilterra, ha detto a The Post via e-mail.

Il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia

Il progetto, e i tweet della NASA a riguardo, sembrano aver soddisfatto la missione dell’agenzia spaziale di condividere la sua scienza e ricerca con un pubblico più ampio in modo colloquiale – e non tutti sono fan dei suoni remixati di un buco nero.

Online, le persone sembravano sia elettrizzate che inorridite da questo Confronti colorati Per la serie Il Signore degli Anelli e Silent Hill.

Altri si sono divertiti con una clip audio, sovrapponendo un’immagine Cucciolo intergalattico su di esso o remixandolo con a Suono riprodotto è considerato molto vicino a La voce di una madre.

“Posso confermare che il rumore del buco nero prodotto dalla NASA è il suono dell’inferno”, ha scritto un utente Twitter cupamente umoristico ha scritto. Un altro disse: “Nuovo genere appena uscito: Cosmic Horror.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.