La ricerca dell’FBI su Mar-a-Lago aiuta a mostrare come è cambiato il controllo sui documenti Trump

Nei mesi precedenti l’FBI Una mossa drammatica per eseguire un mandato di perquisizione I funzionari federali sono sempre più preoccupati che dopo aver visitato la casa dell’ex presidente Donald Trump in Florida – e aver aperto la sua cassaforte per visualizzare gli oggetti – Trump o i suoi avvocati e assistenti non abbiano restituito tutti i documenti e altri oggetti che erano, in realtà, proprietà del governo. Ben preparato nei dibattiti.

Quando Trump ha restituito i materiali agli archivi nazionali sette mesi fa, i funzionari hanno iniziato a sospettare che l’ex presidente o qualcuno a lui vicino avesse i documenti sensibili. Uno però Indagine giudiziaria Gestione di 15 scatole di oggetti inviati al club privato e alla residenza dell’ex presidente negli ultimi giorni della sua amministrazione.

Nel dibattito durato mesi sulla questione, alcuni funzionari hanno a volte sospettato che i rappresentanti di Trump non fossero sinceri, hanno affermato persone che hanno familiarità con la questione, che hanno parlato in condizione di anonimato per discutere delle indagini in corso.

Martedì, un avvocato di Trump ha detto che gli agenti che hanno portato un mandato autorizzato dal tribunale a Mar-a-Lago il giorno prima hanno preso altre 12 scatole dopo la perquisizione.

Garland ha promesso di depoliticizzare la giustizia. Poi l’FBI ha perquisito Mar-a-Lago

Funzionari del Dipartimento di Giustizia e dell’FBI hanno visitato Mar-a-Lago questa primavera, hanno detto persone che hanno familiarità con l’indagine. Segnalato per la prima volta dalla CNN. I funzionari hanno parlato con i rappresentanti di Trump ed hanno esaminato una struttura di stoccaggio in cui erano conservati i documenti ed hanno espresso preoccupazione per il fatto che l’ex presidente o qualcuno a lui vicino avesse ancora oggetti in custodia del governo.

Durante quel periodo, i funzionari degli archivi nazionali hanno contattato aggressivamente le persone nell’orbita di Trump per chiedere la restituzione di documenti che ritenevano fossero coperti dal Presidential Records Act, hanno detto due persone che hanno familiarità con le indagini. Come altri, hanno parlato in condizione di anonimato per discutere i dettagli dell’indagine.

L’avvocato di Trump, Christina Pop, ha detto che i suoi avvocati stavano discutendo con il Dipartimento di Giustizia questa primavera sugli oggetti tenuti a Mar-a-Lago. Durante quel periodo, il team legale dell’ex presidente ha perquisito da due a tre dozzine di scatole in un’area di deposito, alla ricerca di documenti che potrebbero essere considerati documenti presidenziali e consegnando diversi articoli che potrebbero soddisfare la definizione, ha affermato.

A giugno, ha detto Bob, lui e l’avvocato di Trump Evan Corcoran hanno incontrato Jay Pratt, capo della divisione controspionaggio e controllo delle esportazioni del Dipartimento di giustizia, insieme a molti altri investigatori. Trump ha interrotto l’incontro mentre ha iniziato a salutare gli investigatori ma non è stato intervistato. I pubblici ministeri hanno mostrato le scatole ai funzionari federali e Pratt e altri hanno esaminato gli oggetti per un po’.

Bob ha detto che i funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno commentato che non credevano che l’unità di stoccaggio fosse adeguatamente protetta, quindi i funzionari di Trump hanno aggiunto un lucchetto alla struttura. Quando gli agenti dell’FBI hanno perquisito la proprietà lunedì, ha aggiunto Popp, hanno rotto la serratura attaccata alla porta.

L’FBI ha rimosso una dozzina di scatole immagazzinate nell’area di stoccaggio del seminterrato, ha detto. Popp non ha condiviso il mandato di perquisizione lasciato dagli agenti, ma ha affermato che indicava che gli agenti stavano indagando su possibili violazioni delle leggi relative alla gestione di materiale classificato e al Presidential Records Act.

Gli assistenti di Trump hanno anche rifiutato di condividere il mandato di perquisizione con il Washington Post.

Cosa significa legalmente la ricerca di Mar-a-Lago per Trump?

Trump ha annunciato lunedì che l’FBI ha fatto irruzione a Mar-a-Lago e ha cercato la sua protezione, denunciando la mossa come l’ultima mossa ingiusta contro di lui da parte del Dipartimento di Giustizia e dell’FBI. I portavoce di entrambe le società hanno rifiutato di commentare.

Alla domanda martedì se l’ex presidente o i suoi consiglieri abbiano nascosto o falsificato i documenti, il portavoce di Trump Taylor Budovich ha affermato che la mossa dell’FBI “non solo non ha precedenti, ma è del tutto inutile”.

“Il presidente Trump e i suoi rappresentanti hanno fatto di tutto per comunicare e collaborare con le agenzie appropriate”, ha affermato Budovich in una dichiarazione inviata via e-mail. “Nel tentativo disperato dei Democratici di mantenere il potere, hanno cooptato l’intero movimento conservatore”.

Un consigliere che ha parlato con Trump dopo la ricerca ha detto che l’ex presidente era entusiasta dello sviluppo, vantandosi di quanti repubblicani lo stessero pubblicamente sostenendo e che Trump pensava che la ricerca lo avrebbe aiutato politicamente alla fine. Il consulente ha parlato in condizione di anonimato per discutere conversazioni private.

Un altro consigliere, l’ex portavoce Jason Miller, ha dichiarato: “Aumenta ulteriormente la sua volontà di gestire la base repubblicana per suo conto”.

Analisi: Donald Trump aspettava da tempo questo momento

Alcuni dei consiglieri di Trump lo hanno esortato a rilasciare presto la ricerca dell’FBI a Mar-a-Lago, sollevando il suo previsto annuncio che si candiderà alla presidenza nel 2024. Ma Trump non si è impegnato in tal senso, secondo una persona con conoscenza diretta delle conversazioni che ha parlato in condizione di anonimato per discutere di scambi privati.

Due persone che hanno familiarità con il recupero iniziale degli oggetti a Mar-a-Lago, che hanno parlato in condizione di anonimato a causa delle indagini in corso, hanno affermato che gli archivisti ritengono che i documenti siano mancanti e sospettano che Trump li abbia consegnati. . Poiché l’indagine ha preso slancio, alcuni consiglieri di Trump hanno cercato di prendere le distanze dalla questione, temendo che potesse diventare una situazione legale e politica disordinata, secondo le persone che hanno familiarità con le discussioni, che hanno parlato in condizione di anonimato per rivelare conversazioni private.

Dopo la ricerca di lunedì, gli avvocati vicini a Trump hanno chiesto consiglio o referral di avvocati difensori penali che potrebbero rappresentare Trump, ha detto una persona che conosceva gli avvocati. I pubblici ministeri hanno affermato che il mandato era correlato alle accuse secondo cui Trump avrebbe nascosto informazioni riservate, secondo la persona.

Trump ha già diversi avvocati che lavorano per lui, ma non è raro che le persone che devono affrontare azioni investigative cerchino avvocati locali per andare in un particolare distretto giudiziario.

Alcuni dei migliori repubblicani fanno eco alle affermazioni infondate di Trump che screditano la ricerca dell’FBI

Dozzine di sostenitori di Trump sono scesi a Palm Beach martedì per mostrare il loro sostegno. Adrian Shochet, 64 anni, di Lake Worth, in Florida, ha acquistato una scopa da $ 14, che ha attaccato a una bandiera americana e ha sventolato mentre si trovava su una passerella che domina una parte di Mar-a-Lago.

“Devo uscire allo scoperto e mostrare al mondo intero che è spaventoso. Se possono farlo, cosa succede dopo?” ha detto Shochet. “È l’esatto opposto di ciò che pensavano di ottenere politicamente, perché sta rafforzando politicamente l’ala destra”.

Gli automobilisti di passaggio hanno gridato a sostegno. Un uomo era in piedi sul ponte, che attraversa il corso d’acqua costiero, con in mano una bandiera americana capovolta, ampiamente riconosciuta come un simbolo della sua convinzione che il paese fosse in pericolo.

Pat Stewart, 85 anni, ha trovato una bandiera “Trump 2020” sventolante nella sua casa di Jupiter, in Florida, che sperava sarebbe stata conservata fino alle prossime elezioni presidenziali. Per le ore successive, è rimasta al sole con un amico di 85 anni in visita dal Michigan, salutando gli automobilisti di passaggio.

“Ero molto arrabbiato, molto arrabbiato e molto sconvolto dal fatto che il nostro governo avrebbe fatto questo a un ex presidente”, ha detto Stewart. Sebbene gli assistenti abbiano detto che Trump era a New York e questa settimana nel suo golf club e nella sua casa a Bedminster, NJ, credeva di essere a Mar-a-Lago.

“Vogliamo che esca e annunci che si candiderà alla presidenza”, ha detto Stewart.

Gli agenti stanno conducendo una perquisizione autorizzata dal tribunale come parte delle indagini, ha detto una persona che ha familiarità con l’indagine. Perché documenta lo studio a lungo termine – alcuni dei quali top secret – sono stati portati nel club privato e nella casa dell’ex presidente quando Trump ha lasciato l’incarico invece di essere inviato alla National Archives and Records Administration. Il Presidential Records Act richiede la conservazione di promemoria, lettere, promemoria, e-mail, fax e altre comunicazioni scritte relative ai doveri ufficiali del presidente.

15 scatole: All’interno del lungo, strano viaggio dei record riservati di Trump

A gennaio, gli Archivi Nazionali hanno recuperato 15 scatole di documenti e altri oggetti da Mar-a-Lago. L’allora archivista degli Stati Uniti, David S. Ferrero ha dichiarato in una dichiarazione a febbraio che i rappresentanti di Trump stavano “ricercando continuamente” ulteriori record.

Trump ha resistito per mesi alla consegna di alcune scatole, hanno detto alcuni vicini al presidente, e credeva che molti degli oggetti fossero di sua proprietà personale e non del governo. Alla fine ha accettato di consegnare alcuni dei documenti, “dando loro ciò che credeva meritassero”, nelle parole di un consigliere.

Tim Craig di Palm Beach, in Florida, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.