L’America salva gli Stati occidentali dai tagli dell’acqua del fiume Colorado – per ora

16 agosto (Reuters) – Il governo degli Stati Uniti ha esentato per ora sette stati occidentali dai tagli obbligatori per l’acqua del fiume Colorado, ma martedì ha avvertito che sono necessarie protezioni più severe per proteggere i serbatoi in eccesso dall’uso eccessivo e dalla grave siccità.

L’Ufficio per la ricostruzione degli Stati Uniti a giugno ha concesso agli stati 60 giorni fino a metà agosto per negoziare i propri tagli o affrontare tagli obbligatori imposti dal governo federale. Ai funzionari federali è stato chiesto di ridurre il consumo di acqua da 2 milioni a 4 milioni di piedi acri all’anno, una riduzione senza precedenti dal 15% al ​​30% nel prossimo anno.

Ma in una conferenza stampa funzionari dell’ufficio e degli interni hanno detto che avrebbero concesso agli stati più tempo per raggiungere un accordo che avrebbe influenzato l’approvvigionamento idrico di 40 milioni di persone.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Invece hanno fatto marcia indietro sui tagli precedentemente negoziati, imponendo tagli per il secondo anno consecutivo ai beneficiari delle quote del Nevada, dell’Arizona e del fiume Colorado, Messico.

Il vice segretario degli interni Tommy Beaudreau ha affermato che i funzionari federali continueranno a lavorare con i sette stati del fiume Colorado: Arizona, California, Colorado, New Mexico, Nevada, Utah e Wyoming.

“Siamo fermi sulla necessità di proteggere quel sistema”, ha affermato Beaudreau, che si è detto incoraggiato dai negoziati fino ad ora e dal nuovo denaro federale per la gestione dell’acqua.

Anche così, i funzionari federali hanno affermato che il Colorado River Compact, vecchio di 100 anni, e la realtà del 21° secolo dei cambiamenti climatici causati dall’uomo, temperature più calde e terreni più asciutti, richiedono ulteriori tagli secondo i termini già negoziati.

Una previsione a 24 mesi pubblicata martedì ha mostrato che l’entità del declino nei due più grandi bacini idrici del fiume, il lago Mead e il lago Powell, attiverebbe tagli precedentemente negoziati.

Una veduta aerea del lago Powell è vista come il livello dell’acqua è diminuito drasticamente da quando è stato riempito negli anni ’60 e mentre il cambiamento climatico riduce il fiume Colorado sul lato dell’Arizona, creando sfide per imprenditori e ricreativi. , USA, 20 aprile 2022. REUTERS/Caitlin Ochs/Files

Arizona, Nevada e Messico vedranno tutti tagli per il secondo anno consecutivo: 21% per l’Arizona, 8% per il Nevada e 7% per il Messico.

Sono i primi ad essere soggetti a tagli nell’ambito del Colorado River Compact. L’anno scorso hanno ricevuto per la prima volta riduzioni rispettivamente del 18%, 7% e 5%.

I negoziati su ulteriori riduzioni stanno creando tensioni tra gli stati, in particolare la California, il più grande utilizzatore, che finora ha evitato tagli innescati dai bassi livelli di giacimento.

Il lago Mead e il lago Powell non superano un quarto della loro capacità. Se cadono troppo, l’Occidente non sarà in grado di generare energia idroelettrica per milioni di persone.

“È inaccettabile che l’Arizona continui a sopportare l’onere sproporzionato dei tagli a beneficio di altri che non contribuiscono”, ha affermato in una nota Ted Cook, direttore generale del Programma dell’Arizona Centrale.

John Entzminger, direttore generale della Southern Nevada Water Authority, ha dichiarato martedì che spera di ottenere più urgenza dall’ufficio.

“È possibile per noi fare i grandi tagli necessari, ma penso che porteremo tutti al tavolo, rendendoci conto che tutti dovranno affrontare abbastanza dolore per arrivarci”, ha detto Entzminger.

L’alluvione di 23 anni, la peggiore in almeno 1.200 anni, sta testando la forza compatta del fiume, che un secolo fa presumeva potesse fornire 20 milioni di piedi acri d’acqua ogni anno. Il flusso effettivo del fiume è stato in media di 12,5 milioni di piedi acri negli ultimi due decenni, con i gestori dell’acqua statali che hanno più diritti sulla carta rispetto all’acqua nel fiume.

“Come abbiamo sottolineato da quando siamo entrati in carica, le situazioni che dobbiamo affrontare richiedono un’azione rapida e una maggiore protezione dell’acqua da parte di ogni stato e di ogni dipartimento”, ha affermato Tanya Trujillo, assistente segretario per l’acqua e la scienza presso il Dipartimento degli interni.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazioni di Daniel Trotta e Caitlin Oakes; Montaggio di Donna Bryson e Josie Cao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.