Le azioni crollano per concludere il peggior anno di Wall Street dal 2008, l’S&P 500 chiude il 2022 in ribasso di quasi il 20%

Le azioni sono scese venerdì per concludere un brutale 2022 con un piagnucolio mentre Wall Street ha chiuso il suo anno peggiore dal 2008 con una nota stonata.

La media industriale del Dow Jones ha chiuso in ribasso di 73,55 punti, o dello 0,22%, a 33.147,25. L’S&P 500 ha chiuso in ribasso dello 0,25% a 3.839,50. Il Nasdaq Composite è sceso dello 0,11% a 10.466,88.

Venerdì ha segnato l’ultimo giorno di negoziazione in quello che è stato un anno doloroso per le azioni. Tutte e tre le medie principali hanno avuto il loro anno peggiore dal 2008 e hanno ottenuto una serie di tre vittorie consecutive. Il Dow è stato il migliore degli indici nel 2022, in calo di circa l’8,8%. L’S&P 500 è sceso del 19,4%, ed è del 20% al di sotto del suo massimo storico, mentre il Nasdaq, fortemente tecnologico, è sceso del 33,1%.

L’inflazione vischiosa e gli aumenti aggressivi dei tassi da parte della Federal Reserve hanno danneggiato la crescita e i titoli tecnologici e hanno pesato sul sentiment degli investitori durante tutto l’anno. Anche i timori geopolitici e la volatilità dei dati economici hanno tenuto i mercati all’erta.

“Abbiamo avuto di tutto, dai problemi di Covid in Cina all’invasione dell’Ucraina. Sono tutti molto seri. Ma per gli investitori, questo è ciò che fa la banca centrale”, ha affermato Art Cashin, direttore delle operazioni di base presso UBS. “Scambio.”

Mentre il calendario si trasforma in un nuovo anno, alcuni investitori ritengono che il dolore sia tutt’altro che finito. Si aspettano che il mercato ribassista duri fino a quando non arriva una recessione o la banca centrale prende il comando. Alcuni titoli toccheranno nuovi minimi prima di riprendersi nella seconda metà del 2023.

“Vorrei dirvi che sarà come il ‘Mago ​​di Oz’, e tutto sarà a colori gloriosi in un minuto o due. Penso che, a seconda della Fed, potrebbe essere piatto nel primo trimestre. Potrebbe essere un po’ più lungo”, ha detto Cashin.

Nonostante le perdite annuali, il Dow e l’S&P 500 hanno interrotto tre quarti di serie di sconfitte. Il Nasdaq ad alto contenuto tecnologico, tuttavia, è stato confuso dal suo quarto trimestre negativo consecutivo per la prima volta dal 2001. Tuttavia, tutte e tre le medie sono negative a dicembre.

I servizi di comunicazione sono stati il ​​settore con le peggiori performance nell’S&P 500 quest’anno, con un calo di oltre il 40%, seguiti dai beni di consumo voluttuari. L’energia da sola è aumentata di quasi il 60%.

— Gabriel Cortez ha contribuito alla segnalazione

Correzione: il grafico in questa storia è stato aggiornato per riflettere il corretto declino da inizio anno per il Dow Jones Industrial Average.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.