Le azioni lottano mentre i tagli dei prezzi in Cina fanno crollare il petrolio

FILE PHOTO – La gente passa davanti a uno schermo elettronico che mostra l’indice dei prezzi delle azioni Nikkei del Giappone in una sala conferenze a Tokyo, in Giappone, il 14 giugno 2022. REUTERS/Issei Kato

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • https://tmsnrt.rs/2zpUAr4
  • Nikkei in vantaggio, i futures S&P 500 scendono
  • La PBOC taglia i tassi chiave, i dati cinesi sbagliano gravemente le previsioni
  • Minuti della Fed, occhi sui guadagni

LONDRA, 15 ago (Reuters) – Lunedì le azioni globali hanno faticato a crescere mentre gli investitori hanno digerito la notizia di un inaspettato taglio dei tassi di interesse cinesi, poiché la crescita della seconda economia più grande del mondo è rallentata e il prezzo del petrolio è sceso di quasi il 2%.

Anche i futures sugli indici azionari statunitensi più deboli hanno pesato sul sentiment, mentre un dollaro stabile ha pesato sull’oro.

Indice MSCI Tutti i Paesi (.MIWD00000PUS) Così fermo è stato l’anticipo di un mese che ha ridotto il calo del benchmark a circa il 13% per l’anno.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La banca centrale cinese ha tagliato i tassi di prestito chiave per rilanciare la domanda poiché i dati hanno mostrato che l’economia ha rallentato inaspettatamente a luglio, con l’attività di fabbrica e vendita al dettaglio schiacciata dalla politica zero-covid di Pechino e da una crisi patrimoniale. leggi di più

Gli investitori sono ancora alle prese con quanto le banche centrali negli Stati Uniti e in Europa aumenteranno i tassi di interesse quando si incontreranno il mese prossimo.

Le speranze di piccoli aumenti dei tassi sui segnali di un possibile picco dell’inflazione negli Stati Uniti hanno aiutato Wall Street a registrare venerdì una quarta settimana consecutiva di guadagni.

I guadagni di Wall Street e le cifre di crescita costante per il Giappone hanno aiutato il Nikkei (.N225) La media delle azioni è salita a un massimo di oltre sette mesi a Tokyo.

“Penso che la Cina sia una situazione diversa rispetto al resto del mondo. Hanno una recessione autoimposta che hanno creato da una politica zero COVID”, ha affermato Patrick Armstrong, chief investment officer della società di investimento PluriMi Group.

“Penso che se ci sarà un’altra gamba nei mercati sarà guidata dalla Fed. La stretta quantitativa, che inizierà sul serio a settembre, riporterà la liquidità fuori dal mercato”, ha affermato Armstrong.

I mercati indicano ancora una probabilità del 50% che la banca centrale aumenti di 75 punti base a settembre e che i tassi salgano al 3,50-3,75% entro la fine dell’anno.

La banca centrale rilascerà i verbali della sua ultima riunione per la fissazione dei tassi mercoledì, ma le speranze degli investitori mostreranno che la banca centrale sta iniziando a concentrarsi sugli aumenti dei tassi.

“Non credo che il presidente della Fed Powell lo dirà, non credo che i verbali lo indicheranno”, ha detto Armstrong.

In Europa, l’indice azionario STOXX di 600 società leader è salito dello 0,13% a 441,43 punti, ancora in calo del 10% per l’anno.

Futures e azioni sui tassi della Fed

I futures statunitensi si allentano

Sia i futures S&P 500 che i futures Nasdaq sono scesi dello 0,5% dopo i guadagni della scorsa settimana.

Entrate dai principali rivenditori tra cui Walmart (WMT.N) e bersaglio (TGT.N)I consumatori segnalanti saranno esaminati per rilevare eventuali segnali di domanda.

I tagli dei tassi di interesse cinesi non riescono a fermare le blue chip cinesi (.CSI300) È sceso dello 0,13%, mentre anche i rendimenti dello yuan e delle obbligazioni sono diminuiti. leggi di più

La posta in gioco geopolitica è alta con una delegazione di legislatori statunitensi a Taiwan per una visita di due giorni. leggi di più

Con la curva dei rendimenti profondamente invertita, il mercato obbligazionario è ancora scettico sul fatto che la Fed possa creare un atterraggio morbido. Il rendimento a due anni del 3,27% è stato superiore al titolo a 10 anni, scambiato al 2,86%.

Quel rendimento ha sostenuto il dollaro USA, che la scorsa settimana è sceso dello 0,8% rispetto a un paniere di valute, grazie al miglioramento del sentimento di rischio.

Ma il dollaro si è in qualche modo stabilizzato lunedì, con l’euro in calo dello 0,2% a $ 1,02345 rispetto al biglietto verde dopo essere balzato dello 0,8% la scorsa settimana. Contro lo yen, il dollaro era a 133,51 dopo aver perso l’1% la scorsa settimana.

“La nostra sensazione è che il rally del dollaro riprenderà tra non molto”, ha affermato Jonas Goldermann, economista senior di Capital Economics.

L’oro è sceso dello 0,8% a $ 1.786, perdendo tutti i suoi guadagni dell’1% la scorsa settimana.

I prezzi del petrolio sono diminuiti poiché i dati deludenti provenienti dalla Cina si sono aggiunti alle preoccupazioni per la domanda globale di carburante.

Saudi Aramco, il principale esportatore mondiale, ha affermato di essere pronta a incrementare la produzione quando la produzione è ripresa in diverse piattaforme offshore degli Stati Uniti nel Golfo del Messico dopo una breve interruzione la scorsa settimana.

Il Brent è sceso dell’1,8% a $ 96,35 al barile, mentre il greggio statunitense è sceso dell’1,9% a $ 90,34 al barile.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto di Wayne Cole; Montaggio di Sam Holmes, Raju Gopalakrishnan e Ed Osmond

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.