L’estrema destra sta vincendo in un voto molto contestato

Un partito marginale evitato da altri in tutto lo spettro politico, i primi risultati hanno mostrato che i Democratici svedesi hanno preso quasi il 21% dei voti.

Maja Suzlin | Afp | Belle foto

Secondo i primi risultati, un gruppo di partiti politici di destra ha preso un ruolo guida nelle elezioni generali svedesi ed è sulla buona strada per sconfiggere la coalizione di sinistra del primo ministro svedese Magdalena Andersson.

Gli exit poll di domenica inizialmente prevedevano una vittoria di misura per i socialdemocratici di centrosinistra al potere di Andersen e i loro alleati, anche se i numeri sono poi passati a destra politica quando i risultati parziali sono stati pubblicati per tutta la serata.

Dopo Circa il 95% Con il conteggio dei voti lunedì mattina, il blocco di quattro partiti di destra guidati dai moderati di centro-destra di Ulf Kristerson aveva un totale di 175 seggi, con i Democratici svedesi anti-immigrazione sulla buona strada per registrare il suo miglior risultato elettorale.

Nel frattempo, i quattro partiti che sostengono Anderson come primo ministro sono pronti a conquistare 174 seggi.

Se i risultati saranno confermati, i partiti di destra avranno una maggioranza parlamentare, aprendo la strada a tentativi di formare un governo di coalizione.

Per mercoledì è atteso un risultato definitivo, con ancora da contare i voti per corrispondenza e quelli dei cittadini residenti all’estero.

Un totale di otto partiti (quattro a destra; quattro a sinistra) competono per i seggi nel parlamento svedese da 349 seggi, o Riksdag.

I primi risultati di domenica hanno mostrato il Partito socialdemocratico con il 30,5% dei voti, riconfermando la sua posizione di partito più grande. Tuttavia, Andersen potrebbe lottare per rimanere al potere poiché i Democratici svedesi di estrema destra hanno ottenuto guadagni significativi.

La Svezia, un paese scandinavo di circa 10,5 milioni di persone, è uno degli stati più progressisti d’Europa. È costantemente classificato tra i paesi più felici del mondo.

Ascesa dell’ala destra

Andersson è diventata la prima donna primo ministro svedese l’anno scorso.

Jonathan Knockstrand | Afp | Belle foto

I Democratici svedesi sono emersi dal movimento neonazista del paese alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, lottando per prendere le distanze dalle accuse di estremismo. Il partito ha ottenuto la rappresentanza al Riksdag per la prima volta nel 2010 con il 5,7% dei voti.

Un graduale aumento del sostegno nazionale ha poi spinto il partito moderato di centrodestra a cooperare con i Democratici svedesi nel 2018. I moderati di Kristersson hanno precedentemente escluso di negoziare con il partito di destra.

“Una tragedia in molti atti”

Il partito moderato ha ottenuto il 19,1% dei voti nei risultati preliminari di domenica, con il leader Christensen probabilmente il candidato preferito della coalizione di destra per la carica di primo ministro.

“Non sappiamo quale sarà il risultato”, ha detto Christerson ai sostenitori. Lo ha riferito Reuters. “Ma sono pronto a fare tutto ciò che è in mio potere per creare un governo nuovo, stabile e vigoroso per l’intera Svezia e tutti i suoi cittadini”.

Soni Kapur, professore di clima e macroeconomia all’Università europea, ha affermato tramite Twitter che i primi risultati hanno mostrato che i Democratici svedesi sarebbero diventati il ​​più grande partito di destra politica del paese e potrebbero eleggere il prossimo primo ministro.

“È una tragedia in molti modi”, ha detto Kapoor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.