Militanti attaccano una base militare chiave in Mali, situazione ‘sotto controllo’

KATI, MALI, 22 luglio (Reuters) – Militanti islamisti hanno attaccato venerdì la principale base militare del Mali fuori dalla capitale Bamako con un complesso attacco che ha coinvolto autobombe. .

Combattenti legati ad Al Qaeda e allo Stato Islamico hanno ripetutamente fatto irruzione nelle basi in tutto il Mali durante un’insurrezione decennale concentrata nel nord e nel centro, ma mai vicino a Bamako nel sud.

Forti colpi di arma da fuoco sono esplosi nel campo di Kati, a circa 15 km (10 miglia) a nord-ovest di Bamako, per circa un’ora venerdì mattina presto. Un convoglio che trasportava il capo dell’esercito del Mali, il colonnello Azimi Koita, è poi partito dalla sua casa di Kadi in direzione di Bamako, ha detto un giornalista della Reuters.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I militari hanno affermato in un comunicato che l’attacco ha coinvolto due autobombe ed è stato effettuato da Katiba Masina, un’affiliata locale di al Qaeda, la più attiva nel Mali centrale.

Un soldato è morto e sei sono rimasti feriti nell’attacco, mentre sette aggressori sono stati uccisi e otto arrestati.

“Il personale dell’esercito vorrebbe rassicurare le persone che la situazione è sotto controllo e che può svolgere le sue operazioni”, ha affermato l’esercito.

Dopo l’attacco, i soldati hanno sparato e ucciso un uomo fuori dal campo dopo che il suo veicolo aveva disobbedito all’ordine di fermarsi, hanno riferito testimoni a Reuters. L’altro occupante del veicolo è fuggito, hanno detto.

Giovedì i militari hanno accusato Katiba Masina di aver lanciato diversi attacchi contro basi nel Mali centrale, in cui avrebbero ucciso un soldato e ferito altri 15.

Kati è stata teatro di rivolte nel 2012 e nel 2020 che hanno portato a colpi di stato di successo, ma questa volta non sembrava che i combattenti stessero combattendo tra loro, hanno detto a Reuters i residenti del campo.

La giunta al potere del Mali è salita al potere con un colpo di stato dell’agosto 2020. Ha organizzato un secondo colpo di stato nel 2021 per estromettere un presidente civile ad interim in contrasto con Kueda.

Il governo ad interim di Qaida ha ripetutamente accusato i vicini e le potenze internazionali di ritardare le elezioni, di abusi militari e di collaborare con i mercenari russi nella lotta contro l’insurrezione islamista.

Nonostante l’ascesa al potere abbia promesso di reprimere l’insurrezione, la giunta militare non è stata in grado di impedire ai ribelli di estendere le loro operazioni più a sud.

La scorsa settimana, uomini armati non identificati hanno ucciso sei persone a un posto di blocco a 70 km a est di Bamako. leggi di più

L’unico grande attacco che ha colpito Bamako è stato nel 2015, quando militanti legati ad Al Qaeda hanno ucciso 20 persone in un hotel di lusso.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalato da Fadimata Kontao; Rapporti e scritti aggiuntivi di Aaron Rose; Montaggio di Edmund Blair, John Stonestreet e Nick MacPhee

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.