Piogge distruttive nella Death Valley, casinò di Las Vegas allagati segnano un’estate di clima estremo

Il fotografo John Chirlin ha catturato un temporale in previsione di un fulmine in un canyon nella parte nord-orientale del Parco nazionale della Valle della Morte alla fine di giovedì.

Poi il fulmine si è spento e la tempesta si è trasformata in un acquazzone implacabile che è durato per ore, portando precipitazioni quasi record in uno dei luoghi più caldi e aridi della Terra.

“Sembrava serio”, ha detto il 46enne di Chandler, in Arizona. Conduce workshop sulla caccia alle tempeste. “Questa è la peggiore alluvione che abbia mai visto”.

Saranno necessarie ulteriori analisi per determinare se il cambiamento climatico abbia contribuito a determinare l’intensità della tempesta. Ma la sua natura estrema è coerente con ciò che ci si può aspettare con l’aumento delle temperature globali, hanno affermato gli esperti, tracciando paralleli Alluvione storica Il Parco Nazionale di Yellowstone è stato danneggiato a giugno.

“Siamo già in un clima in cui le possibilità di precipitazioni estreme sono elevate”, ha affermato Noah Diefenbach, professore e ricercatore presso la Stanford University.

Il totale delle precipitazioni è stato di 1,46 pollici Registrazione presso il Centro visitatori di Furnace Creek Venerdì ha battuto il record del 5 agosto di 1,10 pollici stabilito nel 1936, ma il 15 aprile 1988 è caduto appena al di sotto della pioggia più alta del parco di 1,47 pollici, ha affermato Brian Plans, un meteorologo del National Weather Service di Las Vegas.

La Death Valley ha registrato una media di 1,96 pollici di precipitazioni all’anno da quando sono iniziate le registrazioni nel 1911. Secondo Centro climatico regionale occidentale. Quasi il 75% di tale importo è caduto nell’arco di poche ore venerdì.

I video pubblicati sui social media hanno mostrato che le strade si sono trasformate in fiumi impetuosi che hanno sradicato alberi, fatto cadere rocce e allagato le strutture del parco. I cassonetti sono finiti contro le auto parcheggiate e le auto si sono schiantate l’una contro l’altra, ha detto il National Park Service. A un certo punto, circa 1.000 residenti e visitatori sono rimasti intrappolati nel parco a causa dell’innalzamento dell’acqua e dei detriti, hanno detto i funzionari.

“È diventato davvero pazzesco dalle 4 alle 4:30”, ha detto Sarlin. “Stavamo facendo scorrere dell’acqua attraverso gli avvallamenti e i lavaggi, circa due pollici d’acqua, e all’improvviso abbiamo potuto sentire rocce e rocce”.

Accompagnato dal suo corgi, Aspen, ha guidato fino a Badwater Road vicino all’autostrada 190 e ha aspettato nella sua macchina.

“Da quando ho sperimentato le ultime inondazioni monsoniche, sapevo che la fretta è una follia, quindi ho deciso di trasferirmi su un terreno più alto”, ha detto.

Dopo l’alba, ha iniziato a guidare verso l’ingresso est del parco, fermandosi per spostare massi e rami fuori strada. A volte, ha dovuto usare rocce piatte per costruire ponti su sezioni di strada slavate e ha stimato che il viaggio di 35 miglia avrebbe richiesto sei o sette ore.

“Diverse parti del parco sono state allagate in momenti diversi. Puoi rimuovere una parte, verrà eseguito un altro lavaggio e dovrai attendere 15 minuti “, ha detto.

Entro sabato pomeriggio, la maggior parte dei visitatori è stata in grado di lasciare il parco, ha affermato Janet Jurado, specialista in informazioni sugli incidenti per il National Park Service. Ha detto che le forze dell’ordine hanno aiutato a evitare diversi punti sul marciapiede, dove l’asfalto rischiava di crollare in aree non supportate. Gli elicotteri della US Navy e della California Highway Patrol hanno condotto ricerche aeree per assicurarsi che non ci fossero più veicoli bloccati. Non sono stati segnalati feriti, ma alcune strade sono state gravemente danneggiate.

“Puoi fare una dichiarazione generale che ogni strada conosciuta nel parco ha detriti lavati su di essa”, ha detto Jurado. “A volte i detriti sono leggeri, profondi solo un paio di pollici, e in altre aree sono profondi piedi”.

Mentre le tempeste estive nella Death Valley sono tipicamente localizzate, chiudendo una o due strade e potenzialmente allagando un conoide alluvionale, la pioggia di venerdì è stata “eccezionalmente rara”, ha detto Jurado. Il parco ha visto l’ultima pioggia diffusa nel 2015 Un potente sistema meteorologico ha fatto cadere quasi 3 pollici di pioggia in cinque ore, innescando un evento alluvionale di 1.000 anni che ha danneggiato le strutture storiche. Il castello di Scotty, un palazzo in stile spagnolo che offre visite guidate, è stato gravemente danneggiato e da allora è chiuso al pubblico.

“Ogni volta che piove nella Death Valley, sembra che sposti le rocce. Quindi non è una sorpresa”, ha detto Jurado. “Ma il fatto che sia così diffuso e che ci sia così tanta pioggia è sicuramente un grosso problema per noi”. Questa singola tempesta ha portato più pioggia di qualsiasi agosto nella storia del parco, ha aggiunto.

Sebbene le precipitazioni siano state al di sopra del normale, tempeste come questa non sono insolite per la Death Valley in questo momento in cui le piogge monsoniche spesso portano umidità dal Messico, ha detto Plans. Ha attribuito la tempesta a una combinazione di umidità monsonica e una depressione invertita che si muove attraverso il sud-ovest fornendo energia.

“Tutti gli ingredienti giusti si sono uniti”, ha detto.

Ora che la Terra si è riscaldata di 1 grado Celsius al di sopra dei livelli preindustriali, Dieffenbach ha affermato che quando i fattori che creano tempeste estreme saranno allineati, i loro effetti saranno ancora più estremi.

“Quello che continuiamo a vedere con il cambiamento climatico è che quando condizioni ben note si uniscono per produrre precipitazioni estreme, significa che quelle condizioni sono preparate per produrre precipitazioni più estreme a causa della maggiore umidità nell’atmosfera a causa del riscaldamento a lungo termine ,” Egli ha detto.

Anche se questo può sembrare controintuitivo, contribuisce anche la stessa dinamica, spesso descritta come la crescente sete dell’atmosfera. Siccità storicaUlteriore Ondate di calore intense e frequenti E sempre di più Comportamento estremo in caso di incendi Coprono gli Stati Uniti occidentali.

“Sebbene possa sembrare paradossale che nella regione stiamo registrando allo stesso tempo tempi molto caldi e secchi e umidi estremi nella regione, è molto coerente con le dinamiche climatiche di base della regione e con i molti modi in cui il riscaldamento globale sta aumentando. Le anomalie di eventi estremi”, ha detto.

La tempesta di venerdì ha segnato la seconda inondazione improvvisa che ha colpito la Death Valley in meno di una settimana, con alcune strade allagate durante la tempesta di domenica. Inondazioni improvvise Parti della Riserva Nazionale del Mojave sono state spazzate via, la maggior parte delle strade asfaltate all’interno del parco sono chiuse fino a sabato. E alla fine del mese scorso, Monsoni torrenziali sferzano Las VegasInvio di fontane d’acqua ai casinò.

I funzionari della Death Valley hanno affermato che ci vorrà del tempo per valutare l’entità del danno ai 3,4 milioni di acri del parco, che include 1.000 miglia di strade.

L’edificio del centro operativo di emergenza del Park Service e gli alloggi del personale hanno subito danni causati dall’acqua e alcune località erano prive di servizio idrico perché le condutture idriche a Cow Creek sono state lavate in diversi punti, hanno detto i funzionari.

L’autostrada 190, la strada principale est-ovest del parco, è stata allagata in alcune zone e bloccata in altre da colate detritiche. Circa 20 palme sono cadute sulla strada dell’Inn at Furnace Creek; La spalla dell’autostrada è stata distrutta e il suo asfalto danneggiato. Gli equipaggi del Dipartimento dei trasporti della California stavano lavorando 24 ore su 24 per ripristinare l’accesso e speravano di riaprire parzialmente la strada entro martedì.

Una grande quantità di rifiuti è stata segnalata in altre parti del parco, tra cui Badwater Basin Road e Artists Drive. Su altre strade, ha detto Jurado, l’acqua piovana ha spazzato via l’asfalto che richiederà il riempimento e la nuova pavimentazione.

“In alcune aree in cui l’intera pavimentazione è stata rimossa, ci vorrà del tempo per ricostruire”, ha affermato. “Non posso ipotizzare se ci vorranno settimane o mesi, ma ci saranno sicuramente delle riparazioni a lungo raggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.