Rishi Sunak e Sajid Javid si dimettono dal governo del Regno Unito in un colpo solo a Boris Johnson

Sia il CEO Rishi Sunak che Sajid Javid hanno annunciato le loro dimissioni in lettere inviate l’un l’altro su Twitter martedì sera.

La controversia più immediata che Johnson deve affrontare è la gestione da parte di Downing Street delle dimissioni della scorsa settimana del vice capo frusta Chris Fincher, che si è dimesso giovedì scorso dopo aver incontrato due ospiti a una festa privata la sera prima. Sebbene non abbia ammesso direttamente le accuse, Pincher ha detto in una lettera a Johnson che “ho bevuto troppo la scorsa notte” e “mi sono messo in imbarazzo e gli altri”.

“Il pubblico si aspetta che il governo sia gestito in modo corretto, efficiente e serio”, ha affermato Sunak nella sua lettera di dimissioni. “Riconosco che questo potrebbe essere il mio ultimo lavoro ministeriale, ma credo che valga la pena lottare per questi standard, ed è per questo che mi dimetto”.

“In preparazione per il nostro discorso congiunto sull’economia proposto la prossima settimana, mi è chiaro che i nostri approcci sono fondamentalmente diversi”, ha aggiunto Sunak nella lettera. “Sono triste di lasciare il governo, ma con riluttanza sono giunto alla conclusione che questo non può continuare”.

Javid ha scritto: “È stato un grande privilegio ricoprire questo ruolo, ma mi dispiace di non poter più continuare in buona coscienza”. Javid ha aggiunto che il voto di fiducia del mese scorso al primo ministro è stato “un momento di umiltà, presa e nuova direzione”.

“Tuttavia, è chiaro per me che questa situazione non cambierà sotto la tua guida, quindi hai perso anche la mia fiducia”, ha scritto Javid.

Downing Street ha lottato per spiegare perché Fincher fosse al governo in primo luogo in mezzo a un’ondata di rivelazioni sul suo comportamento passato.

Quando sono emerse le notizie, Downing Street ha inizialmente negato che il Primo Ministro ne avesse una conoscenza specifica. Successivamente, il team di Johnson ha affermato di essere a conoscenza delle accuse storiche, ma che erano state “risolte”. Quando una delle accuse precedentemente non riportate contro Pincher sembrava essere stata confermata, il portavoce di Johnson ha spiegato che “risolta” significava confermata.

Martedì mattina, Simon MacDonald, un ex alto funzionario del Ministero degli Esteri, ha detto che Johnson era stato informato di persona dell’esito dell’indagine sulla condotta di Fincher.

Pochi minuti prima che Sunak e Javid annunciassero le loro dimissioni, Johnson ha ammesso che è stato un “errore” nominare Pincher nel suo governo.

Johnson ha dovuto affrontare per mesi una raffica di critiche sul suo comportamento e sulla condotta del suo governo, comprese feste illegali per rompere il blocco nei suoi uffici di Downing Street e multe per lui e altri.

Il mese scorso è sopravvissuto a un voto di fiducia, ma il numero finale dei suoi legislatori che si sono ribellati contro di lui è stato più alto di quanto si aspettassero i suoi sostenitori: il 41% del suo stesso partito parlamentare si è rifiutato di sostenerlo.

Questa è una storia in crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.