Secondo la NASA, entrambi questi pianeti sono fatti di acqua



Cnn

Due pianeti lontani Probabilmente fatto di acquaSecondo una ricerca condotta utilizzando i telescopi Hubble e Spitzer della NASA.

I cosiddetti “mondi d’acqua” orbitano attorno a una stella nana rossa, una stella molto più piccola e più fredda. Secondo un comunicato stampa del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

La NASA riferisce che ci sono pianeti acquatici a 218 anni luce di distanza nella costellazione della Lyra. E sono “diversi da tutti i pianeti trovati nel nostro sistema solare”, ha detto l’agenzia.

Si scoprì che i pianeti erano per lo più fatti di acqua Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy Giovedì. Il team di ricerca, guidato da Caroline Bialet, dottoranda presso l’Exoplanets Research Institute dell’Università di Montreal, ha utilizzato i telescopi spaziali Hubble e Spitzer della NASA per trovare il lontano sistema planetario.

Il sistema planetario che hanno studiato si chiama Kepler-138 perché si trova nel campo visivo della navicella spaziale Kepler della NASA. I ricercatori conoscono tre esopianeti – il termine per i pianeti al di fuori del nostro sistema solare – all’interno del sistema Kepler-138, ma hanno scoperto solo che due di essi sono fatti di acqua.

Hanno anche trovato prove per un quarto pianeta che non era stato ancora descritto.

Ma la scoperta non è così semplice come potrebbe sembrare. Gli scienziati non hanno rilevato direttamente l’acqua negli esopianeti Kepler-138c e Kepler-138d. Invece, hanno confrontato le dimensioni e le masse dei pianeti con modelli per il confronto.

Confrontando i pianeti con i modelli, hanno scoperto che “una frazione significativa della loro massa – fino alla metà – deve essere costituita da materiale più leggero della roccia ma più pesante dell’idrogeno o dell’elio”.

La NASA afferma che l’acqua è il materiale più desiderabile, più leggero della roccia ma più pesante dell’idrogeno o dell’elio.

“In precedenza pensavamo che i pianeti leggermente più grandi della Terra fossero grandi sfere di metallo e roccia, come versioni ridotte della Terra, motivo per cui li abbiamo chiamati super-Terre”, ha affermato Björn Bennek, coautore dello studio. Professore di astrofisica, Università di Montreal, in pubblicazione. “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, sono di natura completamente diversa e che una grande frazione della loro intera massa è costituita da acqua”.

“Questa è una prova eccellente per i mondi acquatici, un tipo di pianeta che è stato a lungo teorizzato dagli astronomi”, ha detto Benneck.

Secondo la NASA, questi pianeti potrebbero essere circondati da atmosfere di vapore acqueo ad alta temperatura.

“La temperatura dell’atmosfera di Kepler-138D può superare il punto di ebollizione dell’acqua, e ci aspettiamo un’atmosfera densa e densa fatta di vapore acqueo su questo pianeta”, ha detto Pialet nel comunicato. “Sotto quell’atmosfera di vapore, potrebbe esserci acqua liquida ad alta pressione, o anche acqua in un’altra fase che si verifica ad alta pressione chiamata fluido supercritico”.

I “mondi acquatici” si trovano al di fuori della zona abitabile della loro stella, la regione in cui le temperature consentono l’acqua liquida sulla superficie di un pianeta roccioso, che sosterrebbe la vita. Ma Kepler 138-E, il nuovo pianeta descritto dai ricercatori, cade in quella zona esatta, secondo il comunicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.