Una fuga di gas nel porto giordano di Aqaba uccide almeno 12 persone e ne ferisce centinaia



CNN

Il gas tossico che è uscito da un container nel porto giordano di Aqaba ha ucciso almeno 12 persone e ferito 260, il cloro, ha detto lunedì scorso l’Agenzia giordana di coordinamento dei soccorsi di emergenza.

Un video di una vicina telecamera a circuito chiuso, diffuso dalla TV statale Al-Mamlaka, è stato trasportato da una gru prima che il container cadesse, liberando una nuvola di materiale gassoso giallo su una nave e all’interno del porto. Il video mostrava persone che correvano dopo che il container era caduto.

“Alle 16:15 di lunedì, un serbatoio contenente gas cloro è fuoriuscito nel porto di Aqaba ed è esploso”, ha affermato il Centro nazionale per la sicurezza e la gestione delle crisi (NCSCM).

Un portavoce del PSD ha affermato che una squadra di esperti di materiali pericolosi della Protezione civile giordana è stata inviata sul posto. L’area è isolata, ha affermato la Protezione civile giordana in una nota.

Il ministro dei media giordano Faisal Spool ha detto all’agenzia di stampa statale Petra che la fuga di sostanze tossiche era stata “messa sotto controllo” e non era più un pericolo, secondo l’ora locale lunedì sera.

Le autorità hanno disinfettato l’area e isolata l’area per prevenire ulteriori lesioni, ha aggiunto Spool.

Il filmato andato in onda dalla televisione di stato giordana ha mostrato squadre vestite da Hazmat sulla scena.

Le squadre di pronto intervento stanno rispondendo a seguito di una fuga di gas tossico nel porto di Aqaba in Giordania lunedì.

Otto delle persone uccise erano giordani e il resto proveniva da nazioni diverse, secondo il governo.

Dei feriti, 123 sono ricoverati in ospedale. La Direzione della Pubblica Sicurezza del Paese ha affermato che 45 di loro erano i primi soccorritori della Direzione della Pubblica Sicurezza, della Protezione Civile e di Gender Mary Caders.

Gli ospedali vicini che curano i feriti hanno raggiunto la piena capacità, secondo la televisione di stato giordana, Jamal Obadat, capo della direzione sanitaria di Aqaba.

Obidat ha affermato che secondo Al-Mamlaka TV, sarebbero stati utilizzati ospedali da campo e ai residenti di Aqaba sarebbe stato consigliato di chiudere le finestre e rimanere in casa.

Sono stati inviati anche aerei per aiutare con l’uscita.

Situata sul Mar Rosso, Aqaba è una popolare destinazione turistica. L’incidente ha preoccupato molti turisti, ma il commissario al turismo Nidal al-Makhali ha affermato in una dichiarazione che l’impatto della diffusione gassosa è stato limitato a causa dei venti deboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.